"Io sono Giorgia", il discorso della Meloni a Piazza San Giovanni diventa una hit virale sul web. VIDEO

"Io sono Giorgia", il discorso della Meloni a Piazza San Giovanni diventa una hit virale sul web. VIDEO

«Io sono Giorgia». Oramai è un vero e proprio tormentone del web, sicuramente il "fenomeno" dei social del momento. Tutto nasce dal discorso della leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni a Piazza San Giovanni. Le sue parole, pronunciate con la veemenza che le è solita, hanno colpito l'immaginario di diverse persone «Io sono Giorgia, sono una donna, sono una madre, sono italiana, sono cristiana». 

Alcune parti del discorso della Meloni, quindi, adeguatamente remixate con tanto di sottofondo di musica elettronica, stanno spopolando sul web. La clip è diventata talmente virale, che molti utenti, oltre a condividerla, stanno inserendo l'audio della Meloni adeguatamente remixato su diversi filmati. Questo video è il primo, quello da cui è partito tutto. 
 
 

Ovviamente, come è normale sul web, e sui social in particolare, tutto viene in qualche modo assorbito e cambiato. Sono ormai moltissimi i remix  video, del discorso di Giorgia Meloni, alcuni dei quali molto divertenti. E' il caso della pagina Mattarella ascolta cose, che ha unito alle consuete immagini del presidente della Repubblica che in cuffia ascolta un brano che poi riconosce,  l'audio della clip remixata della Meloni. 
 
  
Ma le "varianti" sulla hit della leader di FdI sono ormai innumerevoli e si viralizzano sempre di più, e sempre in forme diverse. Particolarmente fortunate in rete alcune versioni: si va da un ballo di gruppo in piazza alle ragazze di Non è la Rai. 
 

E se probabilmente l'intento di chi ha creato il primo video era quello di prendere in giro la leader di Fratelli d'Italia, non è detto che la viralità e la varietà delle clip che stanno girando in rete in questi giorni non diano vita ad un effetto del tutto contrario, aiutando a creare un alone di simpatia e spontaneità intorno a Giorgia Meloni. 
Martedì 5 Novembre 2019, 19:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA