Giuseppe Conte sfida Beppe Grillo: «Non faccia il padre padrone. Io non sono un prestanome»

Video

È iniziata intorno alle 17.30 la conferenza stampa di Giuseppe Conte al Tempio di Adriano a Roma. Ad ascoltare l'ex premier ci sono numerosi giornalisti e operatori TV, ma nessun parlamentare pentastellato. La scelta di circoscrivere l'incontro ai giornalisti, come spiegano dallo staff di Conte, è stata dettata da questioni di spazio e di distanziamento. Assente anche Rocco Casalino, l'uomo della comunicazione a 5 Stelle. 

 

 

 

«Quando dissi agli amici del M5S 'io ci sono e ci sarò'. Confesso che non avevo un'idea di impegno preciso. Fu una frase di affetto e riconoscenza per la lealtà e la reciproca fiducia tra noi. Pochi giorni dopo Beppe Grillo mi chiese di entrare nel Movimento. Poi mi invitò al Forum, dove rifiutai di entrare nel M5S ritenendo che una mia investitura a freddo fosse un'operazione del tutto inadeguata», ha detto Conte. «Il confronto all'Hotel Forum con Grillo fu molto schietto. Ho elencato alcune carenze, ambiguità che impediscono le grandi potenzialità di questa forza politica che potrebbero dispiegarsi appieno. Ho illustrato una serie di innovazioni secondo me indispensabili».

 

Dall'incontro all'Hotel Forum «ci siamo lasciati con il mio impegno a elaborare un progetto di riforma del M5S, che una volta condiviso ci avrebbe fatto partire con il piede giusto. Ho iniziato quindi a lavorare ad una sfida complessa ma anche stimolante. In questi 4 mesi ho studiato tanto, ho studiato gli Statuti del M5S, ho ascoltato suggerimenti di parlamentari, sindaci e singoli iscritti». «Nell'approssimarsi all'appuntamento per il lancio del nuovo corso con Beppe Grillo sono emerse diversità di vedute su alcuni aspetti fondamentali. È emerso un equivoco di fondo: io credo che non abbia senso imbiancare una casa che ha bisogno di profonde ristrutturazioni. L'ho sempre detto, non mi sarei mai prestato ad una operazione di facciata, di puro restyling». 

 

«Questa mia franchezza non nasconde arroganza, è dovuta all'affetto per il M5S. La mia posizione nasce da un ragionamento secondo cui, dopo la fase di crescita del Movimento, oggi rischiamo di entrare in una fase di declino se non rilanciamo in modo nuovo la forza» dei 5 Stelle. «Io non posso assumere una decisione solo con il cuore se la mia testa mi suggerisce che il percorso è sbagliato. Non posso prestarmi ad un'operazione in cui non credo». «Abbiamo bisogno di un campo largo. Dobbiamo lavorare nel rispetto delle reciproche autonomie con tutte le forze che fin qui si sono mostrate concretamente sensibili al nostro slancio innovatore. Questo è il momento in cui l'intera comunità 5 Stelle deve assumersi la responsabilità delle proprie scelte. Il mio l'ho fatto».

 

«Ho avuto un fittissimo scambio di mail con Grillo, ho accolto un buon numero delle sue osservazioni. Le altre non possono accoglierle, perché alterano questo disegno e creano confusione di ruoli e di funzioni. Domani mattina consegnerò i documenti frutto del mio lavoro dapprima a Grillo e poi a Crimi chiedendo che siano diffusi alla comunità. Sono condizioni imprescindibili del mio impegno». «Beppe sa bene che ho avuto e avrò sempre rispetto per lui. Spetta a lui decidere se essere il genitore generoso che lascia crescere la sua creatura in autonomia o il genitore padrone che ne contrasta l'emancipazione. Per lui c'è era e ci sarà sempre il ruolo di Garante, ma ci sarà distinzione tra la filiera di garanzia e la filiera degli organi di politica attiva al cui vertice ci deve essere il leader politico e la filiera di controllo».

 

LA DIRETTA FACEBOOK

 

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Giugno 2021, 20:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA