Carabiniere ucciso, Giorgia Meloni insultata e minacciata: «Tua figlia rimpiangerà di non essere stata a Bibbiano»

Carabiniere ucciso, Giorgia Meloni insultata e minacciata: «Tua figlia rimpiangerà di non essere stata a Bibbiano»

Le polemiche (social e non) sul commento di Giorgia Meloni riguardo la morte del vice brigadiere Mario Cercielli Rega non accennano a diminuire. Anzi, si sono trasformate in insulti e minacce.  La leader di Fratelli d'Italia in un post su Facebook si era scagliata contro gli immigrati presunti colpevoli del delitto. «Tanta rabbia e profonda tristezza» - aveva tuonato - «L’Italia non può più essere il punto di approdo di queste bestie». Poi, l'ipotesi dei due nigeriani era sfumata ed erano arrivati gli arresti dei due ragazzi americani. 
 
Agli insulti ricevuti, Giorgia Meloni aveva risposto su Facebook: «Non prendo lezioni di vita  da gente miserabile che vive di mistificazioni. La mia storia parla per me, e non ho mai fatto sconti ad alcuno per simpatia o calcolo politico, né ho mai attaccato ingiustamente altri per pregiudizio. Ciò che i servi del politicamente corretto non mi perdonano è di non unirmi alla loro schifosa omertà nei confronti dei 'compagni che sbagliano', che oggi sono anche 'migranti che sbagliano', 'assistenti sociali che sbagliano', 'ONG che sbagliano'. Sono quelli che nascondono gli stupri se sono commessi da immigrati, i furti se commessi da cooperative rosse, l'illegalità se commessa dai centri sociali, le molte Bibbiano d'Italia se possono offuscare la narrazione arcobaleno o il sistema associativo di sinistra».

Carabiniere ucciso: anche una tazzina di caffè tra fiori e lettere come ultimo saluto

Sul web continuano ad arrivare valanghe di commenti, tra chi si schiera a favore e chi contro l'ex ministro. Tra i tanti utenti su Twitter, qualcuno esce decisamente dal seminato, arrivando ad offendere e minacciare la figlia di Giorgia Meloni: «Da adulta, la figlia di Giorgia Meloni rimpiangerà di non essere stata a Bibbiano». Un messaggio che fa riferimento all’inchiesta Angeli e Demoni, il caso affidi illeciti a Reggio Emilia che ha scoperchiato il sistema in base al quale i bambini venivano sottratti alle famiglie e affidati ad amici e non. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Ecco dove siamo arrivati. Che schifo.

Un post condiviso da Giorgia Meloni (@giorgiameloni) in data:





 

 
Martedì 30 Luglio 2019, 22:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA