Draghi, la storia al governo: i suoi 522 giorni dal Pnrr alla guerra in Ucraina e al Quirinale solo sfiorato

Un anno e mezzo in cui ha dovuto fronteggiare le emergenze del Paese, sospeso tra il Covid e la guerra in Ucraina con le conseguenze a livello economico

Il Pnrr, la guerra, gli scontri con Putin quel Quirinale solo sfiorato: i 522 giorni del governo Draghi

L'esperienza di Mario Draghi al governo si è chiusa dopo 522 giorni. Un anno e mezzo in cui ha dovuto fronteggiare le emergenze del Paese, sospeso tra il Covid e la guerra in Ucraina con le conseguenze a livello economico che hanno pesato nelle tasche degli italiani ma non solo. Un esecutivo - con una maggioranza amplissima ma assai litigiosa - nato dopo la crisi del secondo governo Conte che aveva come obiettivo principale quello della gestione delle tre emergenze italiane: pandemica, economica, sociale. Nacque così «un governo - disse all'epoca il capo dello Stato Sergio Mattarella - di alto profilo» che non doveva «identificarsi con alcuna formula politica». Un governo che doveva fare fronte «con tempestività alle gravi emergenze non rinviabili».

Il governo Draghi

Tutti i principali partiti - con una sola eccezione, Fdi - decisero di rispondere positivamente a quell'appello e il 13 febbraio dello scorso anno, dieci giorni dopo aver ricevuto l'incarico accettato con riserva, Draghi e i suoi ministri prestarono giuramento al Quirinale. Il 17 febbraio il governo ottenne la fiducia al Senato con 262 voti favorevoli, 40 contrari e 2 astenuti, il giorno successivo anche quella dalla Camera con 535 voti favorevoli, 56 contrari e 5 astenuti. Numeri che rappresentano ancora oggi una delle maggioranze più ampie mai registrate nella storia della Repubblica. Da subito Draghi indicò la strada che si era prefissato di percorrere legando a doppio filo l'Italia all'Europa («senza l'Italia non c'è l'Europa, ma, fuori dall'Europa c'è meno Italia», disse). Certo il compito si mostrò impegnativo - su tutto il raggiungimento degli obiettivi fissati dal Pnrr, ma anche campagna di vaccinazione, ripresa economica e transizione ecologica - e l'orizzonte temporale, interrottosi oggi, comunque breve.

 

L'ipotesi Quirinale e l'appoggio a Zelensky

E breve è stata anche la sua «corsa» al Quirinale. Visto come candidato naturale per la successione di Mattarella, Draghi ha dovuto ricorrere a tutto il suo aplomb per smentire con cortesia ma fermezza le voci che lo volevano per i prossimi sette anni al Colle. Molto attivo sulla scena internazionale, Draghi si trova a dover affrontare una guerra ai confini dell'Europa che ancora oggi - nonostante fosse uno dei punti di attrito con parte della sua maggioranza - rivendica come necessaria, come necessarie sono le armi da inviare agli ucraini. Ma Draghi - che non ha risparmiato critiche durissime nei confronti di Putin - verrà anche ricordato per la dura presa di posizione contro il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, definito «un dittatore di cui si ha bisogno», per stigmatizzare la scortesia verso la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen lasciata senza sedia ad un incontro ufficiale. Ma gli scontri più aspri - emersi in tutta la loro chiarezza nel dibattito di oggi - sono stati con la sua maggioranza. Soprattutto con i 5 stelle - che hanno scatenato la crisi di Governo - con i quali proprio sulle armi in Ucraina, sul superbonus, sul reddito di cittadinanza, sui rigassificatori e il termovalorizzatore di Roma, si è prodotta una frattura insanabile.

 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 20 Luglio 2022, 20:47
© RIPRODUZIONE RISERVATA