Dpcm, la stretta del governo. Ristoranti chiusi alle 18, stop a palestre, cinema e teatri. Lezioni a distanza fino al 100%
di Alessandra Severini

Dpcm, la stretta del governo. Ristoranti chiusi alle 18, stop a palestre, cinema e teatri. Lezioni a distanza fino al 100%

Ancora una stretta per evitare la chiusura totale. Il nuovo dpcm firmato dal premier Conte chiude da oggi cinema, teatri, palestre, impone ai bar e ristoranti lo stop alle 18, porta al 75% la didattica a distanza nelle scuole superiori. Misure «necessarie» fino al 24 novembre per evitare di chiudere tutto: «Non possiamo permettercelo», ha riconosciuto Conte, che spera di arrivare così a «un Natale più sereno». Il governo vuole controllare la curva epidemiologica anche per scongiurare la troppa pressione sugli ospedali. «L'Italia è un grande paese ce la faremo anche adesso», ha detto il premier che ha garantito sostegno e ristori aggiuntivi alle categorie più colpite.

 

SCARICA IL TESTO DEL DPCM

 


LOCALI CHIUSI Bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie dovranno chiudere alle 18. Al massimo 4 persone potranno sedere allo stesso tavolo a parte i nuclei familiari più numerosi (e conviventi). Dalle 18 in poi è consentito il servizio a domicilio e da asporto ma non si potrà consumare il cibo nei luoghi pubblici, per strada e nelle piazze. Chiuse del tutto sale giochi e sale scommesse. Fermi gli impianti di sci, sospesi, per i livelli non professionistici, gli allenamenti per gli sport di contatto. Per le altre discipline ci si può allenare ma fuori da piscine e palestre che verranno chiuse.

 


STOP A CINEMA E TEATRI Teatri, cinema, sale da ballo e centri ricreativi resteranno chiusi. Aperti invece i musei, con rispetto del distanziamento. Vietate le feste al chiuso e all'aperto, comprese quelle per i matrimoni. Vietate le fiere (anche internazionali), convegni e congressi. Resta la raccomandazione a uscire solo per ragioni di necessità e a non ricevere in casa persone diverse dai conviventi.

 


DAD A SCUOLA Per le scuole superiori è prevista la didattica a distanza almeno al 75% (ma si può arrivare al 100%). Resta in presenza l'attività didattica ed educativa per materne, elementari e medie.

 


INDENNITÀ Per le categorie più colpite dalle nuove restrizioni l'esecutivo promette un sostegno rapido. Sarà confermata la cassa integrazione ed è prevista una nuova indennità mensile una tantum per i lavoratori stagionali del turismo, dello spettacolo e dello sport. Conte spera che già domani in Gazzetta ufficiale sia possibile rendere «operative tutte le misure di risarcimento, a cominciare da quella del bonifico diretto da parte delle agenzie delle Entrate nei conti correnti di coloro che subiranno un danno». Il pacchetto prevede anche un credito di imposta per gli affitti commerciali di ottobre e novembre, la cancellazione della seconda rata Imu e misure di sostegno alla filiera agroalimentare.


riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Lunedì 26 Ottobre 2020, 12:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA