Covid, prorogato lo stato di emergenza fino 30 aprile 2021: ecco cosa comporta

Covid, prorogato lo stato di emergenza fino 30 aprile 2021: ecco cosa comporta

Lo stato di emergenza in Italia a causa della pandemia è stato prorogato fino al 30 aprile 2021. La decisione è stata presa con il nuovo decreto che entrerà in vigore dalla prossima settimana contenente le nuove misure anti-Covid. Con lo stato di emergenza il Governo e la Protezione Civile possono avere poteri speciali e straordinari, che consentono di agire con maggiore rapidità in caso di eventi particolarmente critici.

 

Leggi anche > Dpcm, da domenica 9 regioni in zona arancione e 3 in zona rossa (c'è la Lombardia). No spostamenti fino al 5 marzo

 

Cosa cambia

 

Ma cosa comporta lo stato di emergenza?  Permette l'organizzazione e l'effettuazione degli interventi di soccorso e di assistenza ai soggetti colpiti dall'evento; la messa in sicurezza degli edifici pubblici e privati e dei beni culturali gravemente danneggiati; il ripristino delle infrastrutture e delle reti indispensabili per la continuità delle attività economiche e produttive e per la ripresa delle normali condizioni di vita. Per l'emanazione delle ordinanze da parte del Capo del Dipartimento della protezione civile è necessario acquisire l'intesa delle regioni territorialmente interessate. Con lo stato d’emergenza il Governo può anche legiferare con ordinanze in deroga alle disposizioni di legge, rispettando i limiti previsti dalle norme vigenti.

 

Ultime proroghe

 

La sua durata massima è pari a novanta giorni è prorogabile o rinnovabile di regola una sola volta, previa ulteriore deliberazione del Consiglio dei Ministri, di ulteriori sessanta giorni. La prima dichiarazione risale al 31 gennaio del 2020 con scadenza 31 luglio 2020. Poi è stata rinnovata fino al 15 ottobre e poi fino al 31 gennaio. Arrivando così all’attuale limite, che il Cdm ha appena prorogato. Secondo le regole sarà possibile un'ulteriore proroga fino al 31 luglio 2021, poi l'iter diventa più complicato e per il rinnovo servirà un apposito decreto e un passaggio parlamentare, con approvazione delle due Camere.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Gennaio 2021, 17:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA