Coronavirus, 7,5 miliardi per famiglie e imprese. Gualtieri: «Nessuno deve perdere il lavoro»

Coronavirus, 7,5 miliardi per famiglie e imprese. Gualtieri: «Nessuno deve perdere il lavoro»

Il giorno dopo il decreto sull'emergenza coronavirus, e poco dopo la fine del Cdm, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha tenuto una conferenza stampa a Palazzo Chigi insieme al Ministro dell'Economia Roberto Gualtieri. «Abbiamo stanziato 7,5 miliardi a sostegno delle famiglie e delle imprese che stanno affrontando quest'emergenza», ha detto Conte. «Sono misure straordinarie e urgenti».

Leggi anche > Coronavirus, gli aggiornamenti in diretta

«Mi sono premurato di distribuire a tutti i ministri una cartellina con le proposte che ci sono pervenute in questi giorni dalle forze di opposizioni. Tutti i ministri hanno avuto le proposte di Fi, della Lega e di Fratelli d'Italia» per fronteggiare l'emergenza, ha detto Conte al termine del Cdm, sottolineando di avere invitato i ministri «a leggerle e trarre qualche buon suggerimento dalle opposizioni».

Leggi anche > La Camera dei Deputati lavorerà solo di mercoledì

«Abbiamo deliberato di rinviare il referendum. Bisognava fare chiarezza. Non c'è ancora una nuova data, è un rinvio tecnicamente sine die», ha aggiunto parlando del rinvio del referendum. «Volevo consultarmi con i comitati, ma vi confesso che non ho avuto neanche un piccolo spazio per interloquire con loro. Oggi abbiamo valutato dal punto di vista tecnico la fattibilità o meno del referendum. Mi riprometto di sentire i vari comitati perché si tratterà di trovare un'altra data». ​

A chi gli chiede se lo stop alle scuole verrà prorogato, il premier risponde così: «Vedremo. Ovviamente in prossimità della scadenza, con un certo anticipo per evitare incertezza, torneremo a fare un aggiornamento. In questo momento non lo so neanche io, dobbiamo sempre ragionare nel segno dell'adeguatezza e proporzionalità». 

GUALTIERI: RISORSE SIGNIFICATIVE I 7,5 miliardi a disposizione per il prossimo decreto sul Coronavirus «sono risorse significative e ci consentono di fare fronte alle esigenze immediate» dell'emergenza, ha detto il ministro Gualtieri ricordando che il nuovo decreto «non esaurisce gli interventi necessari: il governo è al lavoro per accelerare lo sblocco degli investimenti e il sostegno alla crescita».

Nel prossimo decreto sul Coronavirus, ha aggiunto Gualtieri, ci saranno anche «misure per sostenere una moratoria dei crediti alle imprese da parte del sistema bancario». Il ministro ha confermato che ci saranno «risorse per il Servizio sanitario nazionale, la protezione civile e le forze dell'ordine, misure che ci consentiranno di sostenere i redditi e salvaguardare l'occupazione e potenziare gli ammortizzatori sociali» perché «nessuno deve perdere lavoro per coronavirus». 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 5 Marzo 2020, 16:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA