Conte alla Camera verso consiglio Ue: «Quando il Recovery Plan sarà pronto verrò in Parlamento, serve coesione». FdI non entra in Aula, la Lega esce

video

Al momento «manca la prosta formale di un quadro finanziario pluriennale da Michel e l'incontro avrà una natura solo consultiva per fare emergere convergenze e dissensi. Prima di un accordo definitivo sarò in Parlamento per chiedere il vostro voto alla luce proposta formale dell'Italia». Così il premier Giuseppe Conte alla Camera per l'informativa in vista del consiglio Ue. «La decisione politica del Consiglio Ue è un obiettivo storico davanti alla peggiore crisi economica da oltre 70 anni, noi non possiamo permetterci liturgie e compromessi al ribasso, non lo permettono le vittime del Covid e le famiglie, i giovani e le imprese che affrontano le consegue economiche e sociali. Per questa ragione politica e morale tutti gli stati membri sono chiamati a decisioni di alto profilo».

Di Battista alza il tiro e attacca Grillo: «Non è d'accordo con me? Amen»

Sondaggi, Lega scende al 24,3%, il Pd sale al 22%. M5S al 16,1%, FdI al 14,2%

Meloni: «Pd e M5S scappano dal voto in Parlamento per non dare a Conte mandato chiaro per il Consiglio europeo»

Poi sostiene che «l'talia chiede che la proposta non si discosti dalla proposta della Commisisone quanto al volume delle e rimanendo fermo il principio del finanziamento straordinario a lungo termine». Però «le posizioni degli stati membri sono ancora distanti su più punti nonostante i progressi degli ultimi mesi». Ma la Lega abbandona l'aula per protesta (mentre FdI non è mai entrata in Aula) contro la decisione di non consentire un voto sull'intervento del primo ministro. «Conte da avvocato è diventato il liquidatore del Paese», dice il capogruppo del Carroccio Maurizio Molinari. «Dietro Piero Fassino i banchi vuoti dell'opposizione autoesclusa, Fdi e Lega, che parla ed esce senza ascoltare la replica del Presidente del Consiglio, mentre Fi resta in Aula a discutere con la maggioranza», scrive su Twitter il deputato del Pd Stefano Ceccanti pubblicando la foto dei banchi vuoti.

Conte: «Follia una crisi ora». Ma rinvia il voto sul Mes

Governo. Assalto a Conte, terremoto M5S: secco altolà di Grillo a Di Battista

«La proposta di Next Generation Eu è una buona base di partenza di cui condivido la logica e lo spirito. Per far ripartire le nostre economie è fondamentale raggiungere l'obiettivo primario di un consenso il prima possibile sull'adozione tempestiva» del Recovery Plan: «Una decisione tardiva sarebbe già di per sé un fallimento».  E ancora: «La poposta di Next Generation Eu conferma che la commissione europea non ha mancato l'appuntamento con la storia così come non l'ha mancato la Bce. In queste settimane è il Consiglio europeo ad essere chiamato all'appuntamento con la storia».
 «In queste settimane - prosegue il premier - sono in gioco la reputazione, un miglior futuro dell'Europa e dei suoi stati membri. È il momento di agire con spirito di piena coesione anche sul piano nazionale perché la sfida non rechi all'Italia il doppio danno di vederla perdere la sfida europea e quella, forse più difficile, di vedere riformare alcune criticità. Coesi in Italia per cogliere subito e per intero l'opportunità che l'Europa offre a se stessa e ai Paesi più colpiti dal Covid. Questo spirito auspico caratterizzi il dibattito politico italiano in questa fase cruciale per la futura generazione».

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 17 Giugno 2020, 15:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA