Calenda pungola Gualtieri: «Saremo all'opposizione» e poi lancia Gentiloni: «Perfetto al Quirinale, Draghi rimanga al governo»
di Lorena Loiacono

Calenda pungola Gualtieri: «Saremo all'opposizione» e poi lancia Gentiloni: «Perfetto al Quirinale, Draghi rimanga al governo»

Un nuovo logo per far partire la fase 2: così Carlo Calenda, uscito dalle elezioni comunali di Roma con la lista più votata, parla dritto al Governo e alle forze del Parlamento. E il nuovo logo di Azione si divide a metà, con i colori blu e verde per sottolineare i due lati della transizione: digitale e verde. E il nuovo logo lascia metà dello spazio al nome del suo leader: Carlo Calenda. La leadership è quindi chiara ma pronta al congresso, da chiudere prima dell'elezione per il Quirinale.

 
 
«Abbiamo lavorato sul territorio, a Roma, e i risultati che abbiamo raccolto vanno preservati: saremo all'opposizione. sarò imparziale, ho detto chiaramente che avrei votato Gualtieri al ballottaggio. Ho chiesto  un incontro a Gualtieri e proporrò quelle che sono le nostre richieste: Atac gestita a livello regionale, l'Agenzia per la mobilità a livello regionale, il raddoppio del termovalorizzatore di San Vittore e inserire Ama dentro Acea. Saremo all'opposizione e quindi non accetteremo le inefficienze viste finora».


Su Ama e Atac non darà indicazioni per i vertici: «Gualtieri deve  fare una cosa molto semplice: aprire una call pubblica, come si dovrebbe fare per tutti i posti in amministrazione, valutando i curriculum e non scegliendo persone dall'interno».


Calenda ha sottolineato che il suo elettorato è per metà di centro sinistra e per metà di centro destra o non collocato. E - ha spiegato - il suo è il partito più votato dagli under35. Il leader di Azione non sarà in consiglio comunale, come dichiarato prima ancora del voto: «Potrei farlo, restando anche in Europa ma non lo farò. Anche perché ora sarò molto impegnato come segretario di Azione, parto con incontri sul territorio, a cominciare dal Veneto». Il tour porterà Calenda in tutta Italia anche per una nuova fase di tesseramento.

 

Parlando del Governo, Calenda sembra avere le idee chiare: «Gentiloni al Quirinale e Draghi ancora a Palazzo Chigi. Perchè ne abbiamo un disperato bisogno».

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 26 Ottobre 2021, 16:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA