Bruno Vespa contro il Parlamento chiuso per coronavirus: «Gli operai lavorano, i parlamentari no»

di Emiliana Costa
Bruno Vespa contro il Parlamento chiuso per coronavirus: «Gli operai lavorano, i parlamentari no». In un videomessaggio, il conduttore di Porta a Porta ha criticato aspramente la decisione di chiudere il parlamento per l'emergenza in corso.

Leggi anche > Coronavirus in Italia, altri 793 morti. I positivi sono 42.681: record in Lombardia

Ecco le parole di Bruno Vespa: «Per mandare in onda Porta a Porta e tutte le altre trasmissioni di approfondimento della Rai e delle televisioni commerciali, centinaia di giornalisti, di produttori, di tecnici e di registi lavorano giorno e notte con la mascherina e i guanti, rispettando le distanze di sicurezza ma andando avanti. Lo stesso accade negli uffici e nelle fabbriche».



E continua: «Il Parlamento è l'ospedale dell'Italia. L’Italia stava già malissimo prima del coronavirus, adesso è in terapia intensiva e quindi i suoi medici non possono andare a visitarlo soltanto una volta alla settimana. I casi sono due, o il Parlamento non serve, e questo sarebbe terribile, o il Parlamento serve e non va a lavorare e questo è ancora più grave». 

 
Ultimo aggiornamento: Sabato 21 Marzo 2020, 18:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA