Bagarre alla Camera, il M5S attacca il modello Lombardia. Dai leghisti rabbia, urla e microfoni rotti

di Domenico Zurlo
Alta tensione in aula alla Camera durante l'intervento del premier Giuseppe Conte, che questa mattina aveva in programma un'informativa sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus. Il presidente della Camera Roberto Fico ha dovuto sospendere la seduta dopo che è montato in aula un durissimo scontro tra la Lega e il Movimento 5 Stelle, a causa dell'intervento di Riccardo Ricciardi (M5S) che ha attaccato la Regione Lombardia.

Leggi anche > Fase 2, Conte: «Non è tempo di movida. Dal 25 maggio test sierologici gratis»

«Chi critica Conte propone il modello Lombardia, un ospedale da 21mln per 25 pazienti, ecco come sono stati spesi i soldi delle tasse e dei cittadini», ha detto Ricciardi. Subito dai banchi della Lega si è alzato un coro di critiche e alcuni slogan offensivi verso il deputato M5s («buffone»). Poi, quando alcuni parlamentari leghisti hanno iniziato a lasciare il proprio posto per scendere alla base dell'emiciclo, la zona da cui parlava Ricciardi, Fico li ha prima ripresi e poi ha sospeso la seduta.

Dai deputati leghisti rabbia e pugni sugli scranni, ma la furia è arrivata da tutta l'opposizione, Forza Italia compresa. A farne le spese anche uno dei microfoni posti sugli scranni dei parlamentari, rotto da un pugno scagliato da un deputato lumbard che - raccontano alcuni esponenti del M5S - assieme ai colleghi, ha abbandonato le postazioni riservate alla Lega per dirigersi verso il centro dell'emiciclo, dove Ricciardi stava parlando.

Ultimo aggiornamento: Giovedì 21 Maggio 2020, 12:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA