Governo, ministro Fioramonti si dimette con lettera a Conte: pochi fondi per la scuola. Ipotesi Morra per il sostituto

di Simone Canettieri
Il ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti si è dimesso. Se ne sarebbe voluto andare il 23, dopo l'ok della Camera alla manovra: troppo pochi i fondi alla scuola. Lorenzo Fioramonti si era preso un po' di tempo, ma stasera ha ufficializzato le dimissioni con una lettera al premier Giuseppe Conte. Secondo fonti qualificate dovrebbe formare un proprio gruppo parlamentare filo-contiano e, in prospettiva, un nuovo soggetto politico. Con Fioramonti sarebbero in uscita deputati come De Toma, Cataldi, Aprile, Angiola, Rospi, Rossini, Rachele Silvestri.

Fioramonti tentato dall'addio: «Non ho copertura politica»

Se le dimissioni di Lorenzo Fioramonti non dovessero rientrare, nel Movimento Cinque Stelle in queste ore circola anche anche il nome del sostituto: Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia, già in predicato questa estate, ai tempi della formazione del governo Conte-bis, di diventare ministro dell'Istruzione. Poi ebbe la meglio Fioramonti. In queste ore gli occhi sono puntati anche su una pattuglia di deputati che potrebbe uscire dal M5S con l'ex ministro per creare un gruppo autonomo sempre di sostegno a Conte.

 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Dicembre 2019, 10:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA