Migranti a Lampedusa, tensione nel governo. Salvini: lasciato solo da ministri Difesa ed Economia

Tensione nel governo sul caso della nave Alex, attraccata a Lampedusa con 41 migranti a bordo. Matteo Salvini ha negato lo sbarco dei profughi salvati dalla ong Mediterannea ma in un lungo video su facebook si è lamentato di sentirsi «lasciato solo dai ministri dell'Economia e della Difesa».

Nave Alex a Lampedusa, in porto spunta la pasionaria leghista con la bandiera "Prima gli italiani"

«Discuteremo della presenza di navi militari italiane nel Mediterraneo: domando ai vertici delle forze armate se la difesa dei confini italiani è un dovere o è un di più», dice il ministro dell'Interno. «Ogni tanto mi sento un po' solo», aggiunge, chiedendo l'intervento del ministro della Difesa e del ministero dell'Economia che hanno la responsabilità della Marina e della Guardia di Finanza: «Vorrei che fossero al mio fianco». «Posso indicare un porto sicuro, ma non dipendono da me la forze armate», a meno che «servono da scorta alle navi fuorilegge...». «Io non mollo e vado fino... Se qualcuno pensa di farmi mollare ha sbagliato: hanno trovato un testone al ministero dell'Interno».
 


«È chiaro ed evidente che è in corso un attacco contro il governo italiano, in particolare contro un ministro che ha dimostrato di avere le palle e di avere il consenso del popolo italiano». «In Europa sono terrorizzati - aggiunge - e le proveranno tutte pur di fermarci e di danneggiarci».

A nulla serve la replica della Difesa che a Salvini ricorda che «da giorni abbiamo offerto supporto al Viminale sulla situazione di queste ore e il Viminale lo ha respinto, in più di una occasione». Fonti del Viminale puntualizzano «che il supporto è necessario per bloccare le navi che vogliono portare i clandestini in Italia e non per aiutarle nel trasporto». 
Sabato 6 Luglio 2019, 21:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA