Migranti, il nuovo Governo nega porto all'Alan Kurdi. Orfini, Pd: «Scelta sbagliata»

«Non voglio rovinare la festa a nessuno, però ieri il ministero dell'interno (nuova gestione) ha negato un porto sicuro alla Alan Kurdi che da giorni attende in mare dopo aver salvato 13 migranti. Non so chi abbia assunto
questa decisione, ma è una scelta sbagliata. Sbagliatissima».  Scrive così sul suo profilo Facebook Matteo Orfini, deputato del Partito Democratico. «Siamo tutti felici che al governo non ci sia più Salvini, ma non basta: ad essere abbandonate devono essere anche le sue politiche, sennò davvero non ha senso. I ministri Lamorgese, Guerini e De Micheli dimostrino subito di aver chiaro il senso della parola discontinuità e facciano sbarcare i naufraghi, correggendo immediatamente l'errore commesso ieri». 

LEGGI ANCHE Migranti, il nuovo ministro Lamorgese frena: «Più umanità, ma i porti restano chiusi»

La dichiarazione arriva a poche ore di distanza dalle parole della portavoce della Commissione europea Natasha Bertaud che in mattinata ha detto ai giornalisti di non aver ricevuto la richiesta di coordinamento per la ridistribuzione dei migranti a bordo della nave della ong in questione.
Venerdì 6 Settembre 2019, 14:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA