Ponte Morandi, Beppe Grillo tuona: «Amo Genova, rivedremo tutte le grandi opere»

Ponte Morandi, Beppe Grillo tuona dal blog: «Amo Genova, rivedremo tutte le grandi opere»

Aveva giurato di aver lasciato la sua stessa creatura, ma ora che la sua città natale, Genova, è di nuovo ferita, Beppe Grillo torna a parlare dal suo blog come se fosse ancora il leader del MoVimento 5 Stelle. Lo fa tuonando contro chi definisce "sciacalli" e annunciando che tutte le grandi opere pubbliche, come il Ponte Morandi, saranno presto riviste dal governo.

Ponte Morandi, per il M5S di Genova il rischio di crolli era una «favoletta»​



«Proprio quello stesso viadotto era una grande opera pubblica. Era malata alla nascita, e proprio mentre siamo sgomenti a contemplare il suo disastro, esito triste e muto di una gestione dissennata, gli sciacalli colpiscono esattamente lì» - si legge in un post sul blog - «La motivazione a rivalutare tutti questi mostri potenziali è ancora più forte oggi. Revisionare queste mangiatoie, rivalutare anche quei gioielli che verranno costruiti con i soldi della gente e che alla gente devono restare».

Continuando a leggere il post, il dito di Beppe Grillo resta puntato contro chi costruisce le grandi opere: «Noi rivedremo tutti questi “progetti”. Che da anni e decenni stanno lì, come se fossero scritti con l’inchiostro simpatico. Destinati, dopo l’opportuna spartitoria stagionatura politica, ad essere costruiti male e di fretta. Oppure con infinita lentezza come la Salerno-Reggio Calabria». Il fondatore del M5S, d'altronde, precisa: «Contemplando questo orrore sono ancora più convinto che le grandi opere pubbliche dalla carta al mondo reale devono essere riviste: tutte. La concessione a operatori così dissennati della nostra viabilità va revocata e restituita allo stato!».
© RIPRODUZIONE RISERVATA