Draghi, cambia la comunicazione: no alla ricerca di like e commenti a tutti i costi

Video
di Mario Ajello

«Scusate devo ancora imparare», dice Draghi dopo che il ministro D’Incà gli aggiusta il microfono sotto il mento, che il premier non riesce a sistemare, nella replica di ieri sera a Montecitorio. E la scena diventa virale.

 

È l’esordio video della nuova portavoce della nuovo capo del governo. Lei è Paola Ansuini. E così la comunicazione di Draghi, che non ha frequentazioni social ed è sprovvisto di un account personale e non si affiderebbe mai a uno spin doctor stile Casalino, si affaccia stavolta e così sarà tante altre volte nel mondo web. Ma in una modalità nuova.

Video senza parole di commento. E così intendono fare - la coppia Draghi-Ansuini - anche in seguito. I social sì, ma in modalità istituzionale, senza dare adito a polemiche, senza cercare di stimolare like e montagne di commenti. Faccio una cosa e ne diffondo la notizia, tutto qui.

Al massimo, oltre ai video senza commenti, qualche pillola dei discorsi del premier riportata per iscritto e messa sull’account della portavoce Ansuini. Così è stato nelle scorse ore in questo caso: «Oggi, l’unità non è un’opzione, l’unità è un dovere. Ma è un dovere guidato da ciò che son certo ci unisce tutti: l’amore per l’Italia». La dichiarazione programmatica in chiave slogan: questo l’altro tweet della Ansuini. E questa su chiama discontinuità comunicativa rispetto alla bulimia del contismo.

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 18 Febbraio 2021, 19:07
© RIPRODUZIONE RISERVATA