Draghi oggi potrebbe dimettersi, no al bis. «Ma aspetto i numeri»

Da Palazzo Chigi vogliono capire se tutti i grillini seguiranno le indicazioni di Conte

Dal premier no al bis: «Ma aspetto i numeri». Oggi potrebbe salire al Colle

di Francesco Malfetano

«Domani non parteciperemo al voto». Sono da poco passate le 22, Giuseppe Conte svela finalmente ai parlamentari cinquestelle la posizione del Movimento. Solo metà di loro si alza in piedi. L’applauso non è travolgente. Non sfugge che accanto a lui il capogruppo alla Camera Davide Crippa non si spella le mani. 
Corrono le agenzie, intanto palazzo Chigi tace. Non sa o finge di non sapere. Prende tempo. «Vediamo come vanno davvero le cose domani» è l’unica voce che trapela. Ma c’è anche chi, forse stupito dalla piega che hanno preso rapidamente gli eventi, si interroga: «Escono compatti?». I ben informati sfoderano i pallottolieri e dicono che almeno 15 tra senatori e deputati sono pronti a lasciare il Movimento per unirsi ai dimaiani. In assemblea però le opposizioni reali sono poche. Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà palesa il suo disaccordo assieme ad una manciata di eletti, tra cui Stefano Buffagni. «È finita» sibila chi ha provato a mediare fino all’ultimo. Eppure qualche spiffero continua a passare. Un certo attendismo regna anche tra i fedelissimi dell’avvocato. «Vediamo come evolve se Draghi va al Colle e torna alla Camera» spiega una fonte ai vertici. Aleggiano di nuovo quegli scenari alternativi stoppati più volte dal premier. «Ci sono almeno tre giorni» aggiunge. In questa fase è quasi un’era geologica. Piovono richieste di verifica.

In ogni caso la linea - Mario Draghi e Sergio Mattarella sono d’accordo - è che il premier salirà al Colle. Solo ad aggiornare il Presidente o a rimettere il mandato? È una parte del copione non scritta. Ma il no al “bis” è un punto fermo che Draghi è intenzionato a difendere, anche ignorando le numerose spinte che lo investiranno. Anche declinando il probabile invito di Mattarella a tornare in Aula. 
 

LA MEDIAZIONE
Eppure nel pomeriggio le cose parevano aver preso una piega diversa. Attorno alle 16 a squillare è il telefono di palazzo Chigi. È l’ultimo tentativo prima che si precipiti verso l’Aventino. Sei ore di confronto tra Conte e il consiglio nazionale pentastellato non hanno portato a nessuna vera soluzione. L’avvocato è in cerca di una mano per sfuggire alla spirale crisi-consenso in cui si è infilato. E l’unico che può tendergliela è ovviamente Draghi. L’idea è intavolare una trattativa vera e propria, in cui ci sono offerte e contrappesi. Ma questo non è possibile. Chigi è disponibile ma pone dei paletti. Non c’è alcuna intenzione di accettare «soluzioni illogiche». Rispedita al mittente la proposta che Conte si rigira tra le mani da giorni. L’unica sintesi a cui è riuscito a giungere con i suoi senatori imbizzarriti: e cioè anticipare l’uscita dall’Aula con una dichiarazione di voto in cui si specificava la disponibilità a ratificare il sostegno M5S all’esecutivo in un eventuale nuovo voto di fiducia. Ma anche così, almeno ieri pomeriggio, non c’era margine. E allora ecco la richiesta al premier di un «segnale» verso i grillini. Da Draghi c’è disponibilità ma nulla di eclatante.

Il solo punto di incontro che si sarebbe potuto trovare sta nel suo discorso al Senato. Il premier però non va oltre quanto spiegato in conferenza stampa martedì. «Tra i 9 punti consegnati da Conte, molti sono nell’agenda di governo e quindi possono esserci dei progressi». Anche, si ragiona, attraverso formule un po’ diverse, «per mettere nel migliore dei modi» i concetti. Per indorare la pillola in pratica. Una posizione che Conte riporta ai suoi a sera. Dopo un buco di un paio d’ore in cui nessuno sa dov’è finito, l’ex premier riversa ai vice la posizione di Draghi. La formula regge per poco tempo. Il “sì” e il “no” ballano più volte. Poi la svolta. «Nuovo cambio di idea. No al voto». Il messaggio rimbalza sulle chat prima che l’avvocato possa convocare i gruppi parlamentari per comunicargli la posizione ufficiale. La base esulta. «È tornato il Movimento delle origini» si legge tra i commenti della diretta Facebook. Ma qualcuno, in chat, giura: «Non è detta l’ultima parola».
 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Luglio 2022, 12:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA