Covid, stretta governo in vista: ristoranti chiusi prima, lockdown regionali e più smart working

Video

Il Covid supera quota 5mila contagi in un giorno e il governo studia una strategia per evitare un secondo lockdown. Le misure riguarderanno principalmente rafforzamento dello smart working e chiusure localizzate, ma non è da escludere che - in casi estremi - possa tornare in vigore il divieto di spostamento fra regioni. E poi possibili strette su trasporti e locali, ma anche un nuovo stop agli eventi di massa. Il nuovo Dpcm sul quale lavora il governo, inoltre, avrà come priorità quella di tutelare i settori più delicati: scuola, servizi essenziali e attività produttive. Il premier Conte, in altre parole, sta cercando un difficile compromesso fra la tutela della salute pubblica e la necessità di impattare quanto meno possibile sulla vita delle persone. 

 

LEGGI ANCHE Covid, allarme Rt: 15 regioni con l'indice di trasmissione sopra il livello di guardia. Piemonte e Campania in testa

 

 

 

Il piano del governo

Il dettaglio delle misure ancora non c'è, ma si sta ragionando su un pacchetto di interventi. A partire da chiusure localizzate «dove necessario», conferma il sottosegretario alla Salute, Sandra Zampa. Zone rosse locali, in sostanza, dove scatteranno dei lockdown più grandi o più piccoli a seconda dell'ampiezza dei cluster, con l'obiettivo di circoscrivere il virus. Se dopo 14 giorni la situazione sarà migliorata, verranno rimossi i divieti, altrimenti verranno prolungati ed estesi, in caso di peggioramento, alle zone circostanti.

 

È quello che potrebbe accadere in diverse aree e comuni della Campania molto presto, se la situazione dovesse rimanere quella attuale. «Prenderemo tutte le decisioni necessarie - dice il presidente Vincenzo De Luca - l'obiettivo è avere equilibrio tra nuovi positivi e guariti. Ma se abbiamo mille contagi e duecento guariti è lockdown».

 

Divieto spostamento tra regioni non è escluso

Un'altra misura la annuncia il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia e sarebbe un ritorno al passato: il divieto di spostamento tra le regioni. «In questo momento non può essere escluso nulla, ma non escludere interventi non significa chiudere ma essere pronti ad ogni intervento». Nei prossimi giorni Boccia convocherà nuovamente la cabina di regia con le Regioni proprio per fare il punto della situazione e valutare con i governatori le possibili mosse. È ovvio che, lo dice anche il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, in una situazione come quella attuale non c'è spazio per uno scontro istituzionale tra Roma e i territori. «Governo e Regioni devono necessariamente lavorare insieme, non vedo altra strada».

 

Rafforzamento dello smart working

In queste ore nel governo si fanno poi strada altre ipotesi sempre nell'ottica di evitare chiusure di interi settori e interrompere le attività lavorative ma allo stesso tempo ridurre le possibilità di contagio. La prima è quella di rafforzare lo smart working facendo in modo che tutti coloro che possono lavorare da remoto evitino di raggiungere uffici e posti di lavoro. «Dobbiamo fare ogni cosa - ripetono fonti di governo - non solo per limitare il contatto tra le persone ma anche la circolazione».

 

Limitazioni a trasporti, locali ed eventi di massa

E in quest'ottica potrebbero essere prese in considerazione anche delle limitazioni ai trasporti pubblici locali. Ancora Bonaccini: «se il contagio aumenterà e troveremo situazioni più preoccupanti, si dovrà essere pronti a eventuali maggiori restrizioni». Nel Dpcm potrebbe anche esserci uno stop agli eventi di massa. Lo ha chiesto il Cts e lo ha ribadito la cabina di monitoraggio del ministero della Salute nel bollettino settimanale. «È essenziale evitare eventi ed iniziative a rischio aggregazione in luoghi pubblici e privati». Significa limitazioni per spettacoli all'aperto, manifestazioni sportivi, fiere, appuntamenti che prevedono migliaia di persone ma anche feste e cerimonie private.

 

Su una possibile riduzione degli orari dei locali si sta ancora ragionando così come su una rimodulazione delle prescrizioni per le attività sportive, a partire dagli sport di contatto. L'unica certezza è quella che ripete il ministro Boccia. Serve «massimo rigore». E dunque, «se sarà necessario stringeremo ancora di più i bulloni, fermandoci alle cose necessarie: scuola, lavoro, ospedali».


Ultimo aggiornamento: Sabato 10 Ottobre 2020, 11:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA