Casapound vince il ricorso contro Facebook. «Pagina ufficiale da riattivare, penale di 800 euro/giorno»

Casapound vince il ricorso contro Facebook. «Riattivare il profilo, penale di 800 euro al giorno»

Chi è fuori da Facebook è «di fatto escluso, o fortemente limitato dal dibattito politico italiano»: il tribunale civile di Roma accoglie il ricorso di Casapound e ordina all'azienda di Menlo Park «l'immediata riattivazione» delle pagine del movimento di estrema destra e del segretario romano Davide di Stefano, condannando il social network anche al pagamento di 15mila euro di spese legali e a 800 euro di penale per ogni giorno di ritardo nell'esecuzione del provvedimento. La sentenza porta la firma del giudice Stefania Garrisi e fa riferimento alla decisione presa dall'azienda di Zuckerberg lo scorso 9 settembre, quando bloccò non solo la pagina Fb ma anche quella Instagram di Casapound e i profili di Forza Nuova.

Casapound e Forza Nuova, rivolta contro Facebook: «Faremo una class action»
Aggredito per la maglietta del "Cinema America", indagata una simpatizzante di Casa Pound


«Le persone e le organizzazioni che diffondono odio o attaccano gli altri sulla base di chi sono - motivò le sue scelte il social - non trovano posto su Facebook e Instagram. Candidati e partiti politici, così come tutti gli individui e le organizzazioni devono rispettare queste regole, indipendentemente dalla loro ideologia». Per il giudice però le cose stanno diversamente. Facebook, scrive nella sentenza, «è un servizio mediante il quale gli utenti di tutto il mondo possono entrare in contatto, condividere informazioni e discuterne tra loro nell'ottica, dichiarata dalla stessa Facebook, della libertà di espressione del pensiero».

E dunque è evidente il «rilievo preminente assunto da Fb con riferimento all'attuazione di principi cardine essenziali dell'ordinamento come quello del pluralismo dei partiti politici (49 Cost), al punto che il soggetto che non è presente su Fb è di fatto escluso (o fortemente limitato) dal dibattito politico italiano, come testimoniato dal fatto che la quasi totalità degli esponenti politici italiani quotidianamente affida alla propria pagina Fb i messaggi politici e la diffusione delle idee del proprio movimento». Ne consegue che l'esclusione di Casapound «è in contrasto con il pluralismo» poiché «elimina o fortemente comprime la possibilità» per il movimento «di esprimere i propri messaggi politici». Ma non solo. Nella memoria difensiva il social network ha sostenuto che il provvedimento è stato preso in quanto Casapound avrebbe «divulgato contenuti di incitazione e odio alla violenza» attraverso le pagine relative agli scopi e alle finalità del movimento. Secondo il giudice, però, «non è possibile affermare la violazione delle regole contrattuali... solo perché dalla proprio pagina sono stati promossi gli scopi dell'associazione stessa, che opera legittimamente nel panorama politico italiano dal 2009». Né sono attribuibili «in modo automatico» a Casapound, in quanto associazione, comportamenti e violazioni «anche penalmente illeciti» commessi eventualmente da propri simpatizzanti. «Questa è la vittoria di tutto un mondo politico non allineato - esulta il leader di Casapound Gianluca Iannone, la cui pagina è stata bloccata ad aprile scorso - Portiamo a casa una sentenza importante che dimostra come il tribunale politico messo su contro di noi non avesse motivo di esistere». Da Facebook, invece, non arriva alcun commento: «siamo a conoscenza della decisione del Tribunale Civile di Roma e la stiamo attentamente esaminando» dice un portavoce della società.


 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 12 Dicembre 2019, 18:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA