Ruby ter, il pm: «Berlusconi garantì alle ragazze un reddito di 2.500 euro e una casa»

Berlusconi, Ruby ter. «L'ex premier garantì alle ragazze un reddito di 2.500 euro e una casa». Le accuse del pm

Il pm di Milano Luca Gaglio: "Accordo anche per false testimonianze"

Ruby ter a carico di Silvio Berlusconi e altri 28 imputati, nuova udienza. «A queste ragazze è stato assicurato che sarebbero state a posto sia come reddito, con un mensile da 2.500 euro, che per un tetto, una casa, un alloggio». Lo ha affermato il pm di Milano Luca Gaglio nella seconda parte della requisitoria, iniziata oggi. Una ventina le cosiddette ex olgettine, ex ospiti alle serate di Arcore che sarebbero state pagate, per l'accusa, per dire il falso nei processi sul caso Ruby. Requisitoria che oggi si chiuderà con le richieste di condanna. Ci sono elementi e prove, ha spiegato il pm, «che dimostrano che già dal 2011», prima che le giovani andassero a testimoniare in aula, «esisteva un accordo corruttivo» tra l'ex premier e le ragazze «volto ad ottenere le false testimonianze di tutte le testimoni dei Ruby 1 e 2». Le giovani venivano «pagate anche per rendere interviste ai media non diverse da quelle in tribunale». 

«Vi è stato un accordo per le false testimonianze e si deve comprendere nel pacchetto anche la soluzione aggiuntiva di non rilasciare interviste ai media in senso contrario a quelle rese davanti ai giudici», ha aggiunto il pm che parlerà ancora per alcune ore, prima di chiedere le condanne. La tesi difensiva, invece, è che le ragazze fossero state risarcite per la loro reputazione compromessa dopo lo scandalo delle serate a Villa San Martino. Per la Procura, invece, l'accordo corruttivo fu stretto «embrionalmente» nel gennaio 2011 con l'ormai nota riunione ad Arcore tra Berlusconi, i suoi legali e le ragazze, dopo le perquisizioni dei pm per il caso Ruby 1. Gaglio ha ricordato anche che «alcune di queste imputate avevano l'aspettativa di ricevere un alloggio in proprietà» e non in affitto e ha ricordato il pressing delle giovani che andavano ad Arcore, davanti alla villa dell'ex premier, e telefonavano al ragioniere di fiducia del Cavaliere, il ragioniere Giuseppe Spinelli per avere soldi. 

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Maggio 2022, 13:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA