AstraZeneca, ultimatum dell'Ue: «Londra favorita, violato il contratto»

Video
di Diodato Pirone

L'Unione Europea si appresta a chiedere danni miliardari ad AstraZeneca, l'azienda farmaceutica anglo-svedese che ha consegnato finora all'Ue solo 30 milioni di vaccini contro i circa 130 milioni previsti entro la fine di marzo.

Bruxelles, a firma di Sandra Giallina, la responsabile della Direzione Generale Salute dell'Unione, ha scritto una dettagliatissima lettera di sei pagine ad AstraZeneca contestandole tutti i comportamenti scorretti, a detta dell'Unione Europea, in violazione del contratto milionario firmato nell'estate del 2020. I contenuti della lettera, rivelati dal giornale economico francese Les Echos e oggi riportati dal Corriere della Sera, sono effettivamente esplosivi.

AstraZeneca, il caso Sicilia. Musumeci: «Otto cittadini su 10 rifiutano il vaccino»

Contrasti dall'autunno 2020

Innanzitutto si scopre che i contrasti fra Bruxelles ed AstraZeneca sono iniziati molto prima di quanto si immaginava finora ovvero nell'autunno del 2020.  Ad agosto 2020, infatti, l'Unione Europea ha versato ad AstraZeneca 227 milioni di euro come anticipo necessario per mettere in grado l'azienda di fornire fra 30 e 40 milioni di vaccini entro la fine dell'anno. Ma già al momento del versamento della seconda rata di ulteriori 112 milioni gli anglosvedesi non hanno presentato una adeguata rendicontazione e pertanto l'Ue si è rifiutta di versare ulteriore denaro.

 

 

 

 

Crisanti: «Grave tornare a scuola senza profilassi, così i contagi riprenderanno a crescere»

Nella lettera l'Unione Europea contesta soprattutto due elementi ad AstraZeneca. Primo: di non aver fatto tutti i "best reasonable efforts", cioè tutti gli sforzi ragionevoli, per procurarsi sui mercati internazionali materie prime in quantità necessaria per poter produrre i vaccini concordati con l'Unione Erupea. Questo passaggio dimostrerebbe la falsità delle tesi dell'azienda che finora ha sempre affermato di essere in ritardo nelle consegne perché non sempre i "lieviti" vaccinali di base (i cosiddetti "bulk")  danno i risultati quantitativi che si sperano.

Vaccini, quando arrivano? Ritardi anche da Johnson&Johnson: l’Europa accelera ​e l’Italia frena

Seconda contestazione: non aver mantenuto l'impegno di fornire a Bruxelles una parte della produzione di vaccini sfornati dalle fabbriche AstraZeneca collocate su suolo britannico. Quest'ultimo elemento sarebbe stato ammesso in un documento dalla stessa azienda Anglo-svedese. In parole povere, secondo l'Ue AstraZeneca avrebbe illegalmente favorito la Gran Bretagna consegnandole parte dei suoi vaccini prodotti nei suoi impianti europei (gli inglesi hanno iniziato prima dell'Ue  a vaccinare) senza dare vita al flusso inverso, dalla Gran Bretagna all'Ue, come esplicitamente previsto. 

Lotta al Covid, speranza da terapia monoclonale: salvo 41enne, 150 infusioni a disposizione

Il danno per i 450 milioni di cittadini dell'Unione Europea sarebbe stato semplicemente enorme. AstraZeneca, infatti, si era impegnata a rifornire l'Ue consegnando fra 30 e 40 milioni di dosi entro il 2020 (mai viste); e fra 90  e 100 milioni entro marzo 2021 su un totale di 300 milioni di pezzi entro l'autunno 2021. Finora, invece, l'Ue ha ricevuto poco più di 30 milioni di vaccini AstraZeneca, meno del 25% del minimo previsto.

Vaccino Johnson & Johnson arriva in Italia, sarà disponibile in farmacia: come funziona e chi potrà riceverlo

Spiazzata l'Europa

Non è rimasto spiazzato l'intero Vecchio Continente, ma alcuni Paesi che avevano puntato al 100% su AstraZeneca, come l'Austria, hanno ordinato quantità minori di vaccini Pfizer e Moderna rispetto alle disponibilità raccolte dall'Ue, preferendo il prodotto anglosvedese che è venduto a un prezzo basso (meno di 3 euro a dose contro i 12 circa del Pfizer) ed è maneggevole perché conservabile in un normale freezer. AstraZeneca del resto ha sempre dichiarato di non prevedere profitti sul vaccino e di volerlo vendere agli stati al puro prezzo di costo.

Tornando alla lettera dell'Ue, va detto che Bruxelles ora attende una risposta di AstraZeneca. I termini sarebbero scaduti da poche ore. Ma tutto lascia credere che siamo alla vigilia di uno scontro giudiziario di proprozioni bibliche con evidenti ricadute non solo economiche per l'azienda anglosvedese ma anche con un confronto geopolitico di un profilo sconosciuto fra l'Unione Europea e il Regno Unito. Pare impossibile, agli osservatori, che il governo britannico non possa essere coinvolto nella disputa.

Vaccini, oltre 6 milioni tra over70 e 80 attendono la prima dose. I casi Lombardia, Umbria e Puglia


Ultimo aggiornamento: Domenica 11 Aprile 2021, 17:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA