Reddito di cittadinanza, occorrono 29 miliardi. Gli esperti: irrealizzabile
di Nando Santonastaso

Reddito di cittadinanza, occorrono 29 miliardi. Gli esperti: irrealizzabile

Lo chiamano ancora reddito di cittadinanza ma probabilmente sono gli stessi 5 Stelle a sapere che così non è e non potrà mai essere. Perché, come oramai appare chiaro anche ai meno informati, la misura presentata nel programma elettorale dal Movimento assomiglia soprattutto a un sussidio di disoccupazione.

«Solo in Alaska, lo stato americano ricchissimo di petrolio, si può parlare di reddito di cittadinanza tout court: ogni cittadino americano, per il solo fatto di essere residente da almeno un anno in quello Stato, riceve un migliaio di dollari all’anno, cifra tonda, senza alcuna distinzione di reddito, occupazione ed età», dice Francesco Seghezzi, direttore della Fondazione Adapt, una delle più credibili in Italia negli studi su lavoro e welfare. Da noi, come in tutto il mondo, un esempio del genere è improponibile (e non solo per ragioni di costi altissimi). 

Reddito di cittadinanza, ecco com'è andata. Rabbia M5S: "File ai Caf? Una bufala"

«Non è un caso - sottolinea l’economista Emiliano Brancaccio – che la proposta dei 5 Stelle sia cambiata rispetto alla formulazione iniziale, pur conservando la stessa dicitura. Sembrava in un primo momento che i beneficiari del reddito di cittadinanza dovessero essere sganciati dall’accettazione o meno di una proposta di lavoro. E invece ora sappiamo che così non è perché chi rifiutasse tre offerte di occupazione non lo percepirebbe più. Dunque, siamo di fronte ad una misura che somiglia sempre di più ad altre forme di assistenza che già esistono».

"Ha vinto M5S, dateci il reddito di cittadinanza": assalto ai Caf da 30-40enni. Il sindaco: ammaliati dagli spot

Un rischio calcolato in vista di un successo elettorale andato persino oltre le più rosee previsioni? A giudicare da quanto è stato segnalato da alcuni Caf pugliesi, dove in questi giorni si sarebbero presentate diverse persone interessate ad “incassare” subito i presunti benefici del reddito di cittadinanza, la risposta sembra affermativa. Ma questo, osserva lo storico Emanuele Felice, «non può far credere che l’affermazione dei 5 Stelle al Sud sia il frutto soprattutto del voto di gente troglodita e ignorante. I giovani che hanno sostenuto il Movimento sono mediamente più acculturati e istruiti di quelli che al Nord hanno votato per la Lega. Anch’io come tanti altri sono convinto che al Mezzogiorno serva ben altro che il Reddito di cittadinanza: il voto è stata una risposta di disperazione, di chi viene pagato ad esempio al di sotto del reddito di cittadinanza o non lavora affatto, ma soprattutto il rifiuto duna politica fatta ancora di ras e cacicchi. Altro che il tentativo di rilanciare l’assistenza fine a se stessa».
 

 

Già, ma intanto è sul Reddito di cittadinanza che si discute e polemizza dalle Alpi alla Sicilia. Perché, ad esempio, il Rei – il Reddito di inclusione – varato dal governo Gentiloni per aiutare chi è collocato nella fascia della povertà assoluta (almeno due milioni di persone) ha fatto meno breccia nella pubblica opinione meridionale pur sapendo che la sua entrata in vigore è a luglio, praticamente dietro l’angolo? «Probabilmente proprio perché – spiegano due economisti de Lavoce.info, Massimo Baldini e Francesco Daveri – si è fatta pesare maggiormente la differente platea dei potenziali beneficiari. Il piano del governo dovrebbe raggiungere nel 2018 circa 700mila famiglie per un assegno massimo di 485 euro a testa, pensionati esclusi. La proposta dei 5 Stelle circa 4,6 milioni, con l’assegno fino a 780 euro al mese perché si rivolge alla fascia della povertà relativa che è di gran lunga più numerosa». Per intenderci, è la fascia che in base ai parametri Eurostat non supera i 9.360 euro l’anno di soglia della ricchezza individuale. 
Ma è qui che nascono i profili di attuabilità, a cominciare dai dubbi sulle coperture. «Il Rei - spiegano i due studiosi – necessita solo quest’anno di circa 2 miliardi di euro, il reddito di cittadinanza molti di più, circa 29 miliardi», il doppio di quanto indicato dai promotori. Come mai? Perché, rispondono i due economisti, entra in gioco anche il valore dell’affitto della casa di proprietà degli aspiranti beneficiari, in altre parole il canone che essi riceverebbero se la casa fosse data in locazione per accedere al sussidio rientrando nei parametri richiesti. «Non è un valore trascurabile: circa il 50% delle famiglie relativamente povere vive in case di proprietà, con un affitto medio ipotizzabile in 500 euro al mese, 6mila euro all’anno. Considerato che parliamo di circa 5 milioni di famiglie relativamente povere, l’importo degli affitti è stimabile in 15 miliardi di euro. Nella proposta 5 Stelle non si parla mai degli affitti imputati». Ma c’è poi anche tutta la partita organizzativa da giocare e, soprattutto, da vincere: nel senso che «il sistema dei controlli previsto dal disegno di legge 5 Stelle per chi può aspirare al sussidio imporrebbe ai Centri per l’impiego un numero così elevato di progetti di reinserimento al lavoro che si fa fatica a non immaginare un ingolfamento interno. Non a caso il Movimento propone anche una riforma dei Centri la cui efficacia in termini di quantità di offerte lavorative proposte è decisamente difficile da stimare. Al contrario il Rei delega ai servizi sociali l’elaborazione dei percorsi di uscita dalla povertà». 
È per questo, incalza Brancaccio, che occorre la massima prudenza nel valutare la portata della proposta: «Se le risorse annunciate – dice - sono un sostituto di altre misure di sostegno al reddito già esistenti, cambia poco: saremmo di fronte ad una sorta di partita di giro. Se invece sono aggiunte, bisognerà necessariamente fare i conti con i vincoli europei e capire se e in quale misura possono diventare vantaggiose. Ora non lo sappiamo: per questo non credo che gli elettori del Sud che hanno sostenuto il Movimento siano stupidi o vogliano mangiare a sbafo come si vuole far credere».
Sabato 10 Marzo 2018, 08:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA