Di Battista in campo per arginare la Lega, Salvini: «Lo invidio, sta in spiaggia»
di Mario Ajello

Di Battista in campo per arginare la Lega, Salvini: «Lo invidio, sta in spiaggia»

Il Dibba farà vedere a tutti i sorci verdi! E' entusiasta il popolo grillino per il ritorno in Istria, e nella battaglia politica, del suo Che Guevara. E i sorci verdi, assicurano nei 5 stelle, Dibba il duro li farà  vedere sopratutto  ai verdi intesi come  leghisti. Ma Salvini è pronto alla battaglia: "Nessuna paura per il ritorno del Dibba, è un ragazzo simpatico che si sa godere la vita". Infatti appena tornato è già pronto a ripartire - stavolta destinazione Congo - il castigamatti pentastelluto. Ma tra un viaggio e  l'altro ha deciso, con Di Maio, che da qui alle elezioni europee di maggio avrà un doppio ruolo: oltre che competitor di Salvini, per arginare l'invadenza politico mediatica del Capitano lumbard e abbassarne la forza nei sondaggi, anche punta di attacco nella campagna per il voto al parlamento di Strasburgo. Nel quale M5S si gioca la sopravvivenza. Dibba salva cinque stelle e affonda Salvini, ecco che cosa viene richiesto a SuperAle. Con un problema: più lui attaccherà Salvini - già il primo match è di queste ore: sul taglio agli stipendi dei parlamentari, priorità per  Dibba ma non per Matteo - e più il rapporto a Di Maio e il collega vicepremier leghista traballerà. Si tratterà dunque di trovare un equilibrio molto delicato, tra competizione e convivenza. 

Vi alleerete con la Lega? Risposta a suo tempo di Di Battista: "Qualora il M5s dovesse stringere alleanze con partiti responsabili del disastro in Italia io lascerei il movimento". Era il 16 novembre 2017. Ora evidentemente Dibba è cambiato. Ma sempre combat. Anche se Salvini non si spaventa: "Lo invidio, sta in spiaggia", ha detto di lui di recente. Insomma il rapporto tra i due è così, in fondo forse si stanno simpatici perché simili ma devono combattersi e lo faranno. Sull'immigrazione, per esempio, sono agli antipodi. E siccome saranno i due frontman dei loro rispettivi partiti nella campagna per le Europee, dove si disputeranno più o meno lo stesso bacino di voti,  non potranno non incrociare  le spade.  E ci sarà da divertirsi nella gara tra i due tenori.
Mercoledì 2 Gennaio 2019, 11:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA