Alessandro Di Battista: «Non mi candido alle Europee e vado in India, mi sono iscritto a corso falegnameria»

Di Battista scioglie le riserve: non si candiderà alle Europee e andrà a vivere in India. «Mi sono chiesto: ti vuoi candidare? La risposta fondamentalmente è no. Mica mi posso candidare perché devo farlo, dovrei farlo perché lo voglio fare. Candidarsi vuol dire scegliere di mettersi al servizio della collettività, io non ci vorrei andare a Bruxelles a fare l'europarlamentare e se ci andassi senza volerlo non credo nemmeno che renderei», spiega in un video su Fb dove dice di non poterlo fare «solo perché gli altri se lo aspettano».


«Sapevo da tempo che Alessandro non si sarebbe mai candidato, non si era candidato nemmeno alle politiche. Lo ringrazierò sempre per la mano che darà al Movimento e continuerò a sentirlo per chiedergli consigli e scambiare opinioni. Il movimento continua ad andare avanti, è forza di governo e realizza il programma a partire dal tema di oggi», commenta Di Maio.

Durante gli ultimi 40 giorni di 'silenzio', dice Di Battista nel video, «mi sono anche iscritto a un corso di falegnameria a Viterbo. So che dicendo questa cosa mi arriveranno delle prese per il c... enormi ma non me ne può fregare di meno». «È fichissimo, di giorno studio gli incastri a coda di rondine, la sera studio il franco Cfa e provo a scrivere qualcosa. È una bella vita, sto facendo quello che ho sempre sognato. Ma questo non significa che non dirò la mia quando sentirò che sarà necessario», sottolinea l'ex deputato.

«Qualche giorno fa Floris mi ha invitato a fare un duello con Renzi. Ma che ci vengo a fare, che me ne frega? Stare in primissima linea senza essere candidato e soprattutto con gran parte della mia energia rivolta altrove... sarebbe disonesto fare tutto questo. Come sarebbe disonesto candidarsi se non vuoi fare l'europarlamentare: non mi posso candidare per senso del dovere», rimarca ancora Di Battista.

Sabato 30 Marzo 2019, 18:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA