Hitler, l'orologio da polso venduto per 1,1 milioni di dollari: era il regalo di compleanno quando è diventato Cancelliere

Sull'orologio sono incise tre date: il compleanno di Hitler, quando divenne cancelliere tedesco e quando il partito nazista vinse le elezioni

L'orologio da polso di Hitler venduto per 1,1 milioni di dollari: era un regalo di compleanno

L'orologio da polso di Adolf Hitler è stato venduto venduto dalla casa d'asta del Maryland, la Alexander Historical Auctions, per 1,1 milioni di dollari. Secondo quanto riportato da Abc, l'orolgio è caratterizzato dalle iniziali AH e da una svastica e sarebbe stato acquistato da un ebreo europeo.

Orologio di Hitler venduto, il modello

L'orologio Huber mostra una svastica e ha le iniziali AH incise su di esso. I leader ebrei hanno condannato l'asta prima della vendita all'Alexander Historical Auctions nel Maryland. Tuttavia la casa d'aste - che in passato ha venduto cimeli nazisti - ha detto ai media tedeschi che il suo scopo era quello di preservare la storia. Adolf Hitler guidò la Germania nazista tra il 1933 e il 1945, orchestrando l'omicidio sistematico di ben 11 milioni di persone, sei milioni delle quali furono uccise perché ebrei.

Hitler, il suo orologio venduto all'asta per oltre 1 milione di dollari: protestano le associazioni ebraiche

«Il regalo di compleanno»

Il catalogo dei prodotti dell'orologio dice che potrebbe essere stato dato come regalo di compleanno al leader fascista nel 1933, anno in cui divenne Cancelliere della Germania. Una valutazione della casa d'aste dice che l'orologio è stato preso come souvenir quando una trentina di soldati francesi hanno preso d'assalto il Berghof, il rifugio di montagna di Hitler nel maggio 1945. Si pensa quindi che l'orologio sia stato rivenduto e tramandato per diverse generazioni fino ad oggi.

 

Le incisioni

Sull'orologio sono incise tre date: il compleanno di Hitler, quando divenne cancelliere tedesco e quando il partito nazista vinse le elezioni. Il rabbino Menachem Margolin, presidente della European Jewish Association, ha affermato che l'operazione ha dato "aiuto a coloro che idealizzano ciò che il partito nazista rappresentava". "Sebbene sia ovvio che le lezioni della storia devono essere apprese - e gli artefatti nazisti legittimi appartengono ai musei o ai luoghi di istruzione superiore - gli oggetti che stai vendendo chiaramente non lo fanno", ha scritto. Parlando con la stampa tedesca prima della vendita, Alexander Historical Auctions ha affermato che il suo scopo era preservare la storia e che la maggior parte degli oggetti venduti sono conservati in collezioni private o donati ai musei dell'Olocausto.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 8 Agosto 2022, 00:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA