Ornella Muti: «Se facesse cinema solo chi è immacolato non lavorerebbe più nessuno. E sul MeToo si è esagerato...»

Esce oggi nelle sale il nuovo film dell'attrice, "Lo sposo indeciso" di Giorgio Amato, con un cast d'eccezione

Video

di Luca Uccello

Oggi Ornella Muti vive in mezzo al verde, nel basso Monferrato. Precisamente a Lerma in un’antica abbazia del Seicento, in cui si produceva vino. Ora ci vive insieme a sua figlia Naike. «Il posto è magnifico», racconta l'attrice a La Stampa. Il suo primo film nel 1970, La moglie più bella di Damiani. «Quel ruolo arrivò per caso. Ero andata al provino solo per accompagnare mia sorella, alla fine presero me. Non perché fossi più brava, a loro serviva una ragazzina di 14 anni e io avevo quell’età». E fu proprio Damiani a inventarsi il suo nome d’arte: «Non voleva che mi confondessero con un’altra attrice, Luisa Rivelli». L'ultimo film? Esce oggi nelle sale: Lo sposo indeciso di Giorgio Amato e un cast d'eccezione. Con Ornella Muti ci sono: Gian Marco Tognazzi, Ilenia Pastorelli, Francesco Pannofino, Giorgio Colangeli, Claudia Gerini.

Eleonora Giorgi: «Il cinema mi snobba, ma non mi arrendo. Esclusa dopo la vicenda Rizzoli. Mi drogavo per superare traumi»

In carriera è stata diretta da Monicelli, Ferreri, Risi, Steno, Magni, Scola e anche da Woody Allen che lei, a differenza di tanti altri attori, non rinnega: «Non è mai stato condannato per nulla.

Gli americani sono speciali nell’arte dello scagliare la prima pietra, come se fossero tutti senza peccato. Se facesse cinema solo chi è immacolato non lavorerebbe più nessuno...».

Intanto il movimento MeToo ha compiuto cinque anni. Un movimento che ha cambiato il cinema: «Diciamo che ha messo sul chi va là molti personaggi del cinema. Io stessa sull’argomento ne avrei da raccontare. Mia madre mi ha sempre accompagnato ai provini fino alla maggiore età e dopo sono stata brava a non ritrovarmi in situazioni potenzialmente pericolose. Anche qui però si è andati oltre. Oggi gli uomini non sanno più come provarci, se ci fanno una carezza sul braccio hanno paura che li denunciamo. Il che è assurdo».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 30 Giugno 2023, 09:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA