Coronavirus, contagiato Carlo: il 10 marzo incontrò Alberto di Monaco, anche lui positivo

di Riccardo De Palo
Anche il principe Carlo è risultato positivo al coronavirus. Lo riferisce un portavoce di Clarence House, che precisa che il principe di Galles, 71 anni, ha sintomi lievi ma "rimane comunque in condizioni di salute buone".  Anche la consorte Camilla, duchessa di Cornovaglia, si è sottoposta al test, che è risultato negativo. La coppia ora è in auto-isolamento nel castello di Balmoral, in Scozia.

Secondo le stesse fonti, non è risultato possibile capire chi lo abbia contagiato, dato "il gran numero di impegni pubblici" a cui ha preso parte il principe, primo in linea di successione al trono.  Scorrendo l'agenda di Carlo, emerge però che il principe del Galles incontrò Alberto di Monaco a Londra il 10 marzo, durante un evento
pubblico, nove giorni prima che annunciasse di essere positivo al coronavirus. Carlo aveva visto per l'ultima volta la regina il 12 marzo. Elisabetta attualmente - come precauzione - risiede nel castello di Windsor, dove è stata raggiunta anche dal principe consorte Filippo. «Sua Maestà la regina rimane in buona salute», ha detto una portavoce. I medici di corte britannici sostengono che il principe "non era contagioso fino al 13 marzo", affermazione che comunque sembra molto difficile da dimostrare.

Tra gli ultimi impegni, Carlo aveva parlato in pubblico al Palladium di Londra, per i Prince’s Trust Awards, all'inizio del mese: era diventato virale un video in cui il principe, sbadato, dimenticava di non dover stringere mani agli invitati, porgendo (e subito ritirando) la mano.




Il principe aveva poi preso parte a un evento benefico in seguito all'emergenza incendi in Australia, alla Mansion House. L'ultimo impegno pubblico della sovrana e di Carlo fu invece il 9 marzo, all'Abbazia di Westminster, in occasione della messa per il Commonwealth Day, alla presenza di tutti i reali inglesi e del premier Boris Johnson. Nei giorni successivi, Carlo ha avuto solo incontri privati con conoscenti, funzionari e dignitari: tutti sono stati avvertiti per i controlli del caso.

Ora tutti gli eventi di corte sono stati annullati; comprese le nozze di Beatrice di York, nipote di Elisabetta II e primogenita del principe Andrea: avrebbe dovuto sposare il 29 maggio a Buckingham Palace l'immobiliarista di origine italiana Edoardo Mapelli Mozzi.

LEGGI ANCHE> Coronavirus in Regno Unito, Johnson ordina il lockdown: 335 morti nel paese
 


Il principe ha effettuato il test in  Aberdeenshire, in una struttura del servizio sanitario nazionale, dopo avere manifestato sintomi sospetti. Balmoral si trova nella tenuta di Birkhall, una proprietà di 210 chilometri quadrati, abituale residenza estiva dei reali inglesi. Proprio qui Carlo nel 2005 trascorse la sua luna di miele con la duchessa di Cornovaglia.

I primi sintomi si erano manifestati domenica scorsa, e il giorno seguente il principe si è sottoposto al tampone. 

Data la situazione, Buckingham Palace ha un piano per gestire la situazione: sarà infatti  il principe William, primogenito di Carlo, a sostituire la regina e il padre negli impegni reali: data la sua giovane età, sarebbe comunque meno a rischio. In questo periodo di emergenza, William e Kate diventerebbero quindi le figure più importanti, quelle chiamate a rappresentare la monarchia britannica.

LEGGI ANCHE> Coronavirus, Kate e William: «Pensiamo alle famiglie in difficoltà». E postano la foto di Lady D

Si aprono anche altri scenari, nel caso la moglie di William dovesse restare incinta. Potrebbe infatti essere richiamato il principe Harry dal Canada. I tre figli dei duchi di Cambridge, George, 6 anni, Charlotte, 4 e Louis, 18 mesi, sono ancora dei bambini; e quindi il principe che ha fatto tanto parlare di sé con il matrimonio con Meghan Markle e con il successivo "addio" a Londra e alla corona, potrebbe tornare in gioco.

La legislazione inglese è molto chiara in proposito: qualora la sovrana fosse momentaneamente impossibilitata a svolgere le sue funzioni, verrebbe sostituita da un Consiglio di Stato, formato dal consorte, Filippo di Edimburgo (che però è troppo anziano per esporsi), e dalle prime persone  (in teoria quattro) in linea di successione. Esclusi, per ragioni di età i figli di WIlliam, e Carlo per l'isolamento a cui è sottoposto, il Consiglio dovrebbe essere composto da William, Harry e il principe Andrea. 

William è terzo in linea di successione al trono e tutto lascia pensare che, nelle prossime settimane, avrà un ruolo di primo piano.
 
 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Marzo 2020, 07:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA