«Chiara Ferragni e le sue sorelle sono le Kardashian italiane»: il New York Times celebra il clan

«Chiara Ferragni e le sue sorelle sono le Kardashian italiane»: il New York Times celebra il clan

di Anna Franco

ROMA Esattamente tre anni fa, in un'intervista al Financial Times, alla domanda se avesse intenzione di emulare le Kardashian, Chiara Ferragni rispondeva con un sorriso: «Forse in futuro». Ieri, con richiamo in prima pagina, il New York Times le ha dedicato un lungo articolo, dove, sotto al titolo Come si dice Kardashian in italiano? appare una foto della nota influencer (26,3 milioni di follower su Instagram) insieme alla sorella minore Valentina (4,2 milioni di seguaci), che sancisce quello che già si poteva dedurre incrociando qualche dato. Per esempio il seguito che, a cascata, hanno tutti i componenti della famiglia della rampante manager: Francesca, la sorella mediana, dentista di professione, ha 1,3 milioni di follower e la recente notizia della sua gravidanza ha fatto il giro delle news, senza dimenticare la mamma (630.000 follower) e il padre (125mila), nonché cane, fidanzati delle sorelle e così via.

Milano Fashion Week al via, Cucinelli: «La ripartenza più importante del secolo». Dalle top ai vip presenti cosa aspettarsi dalla settimana della moda

Primavera 2022, cinque tendenze da provare: dal total denim alla vita bassa cosa indosseremo per la bella stagione


«CURIOSI DI TUTTO»
La stessa Ferragni, in un'ampia intervista a WWD uscita l'altroieri, spiegava il fenomeno: «I fan sono interessati a tutta la mia vita in generale, non si occupano solo di me, ma sono curiosi di tutto ciò che è connesso a me». Le sue stories sui social nascono così: non appena Instagram le ha inaugurate ne è diventata una produttrice compulsiva, come un palinsesto televisivo. «Chiara ha fatto qualcosa di ancora più rivoluzionario delle Kardashian - afferma Marco Pedroni, sociologo della cultura all'Università di Ferrara e studioso ed esperto di social media - Le sorelle americane partono da un modello tradizionale, mentre l'imprenditrice italiana è una celebrity nativa del digitale, che, da lì, ha esteso la sua influenza a media classici come il cinema e la tv, oltre che creare un impero imprenditoriale con la sua linea di abbigliamento, di beauty e, ora, anche di fragranze. Un percorso nuovo e unico, che è il contrario di quello delle Kardashian. La sua genialità è soprattutto nella capacità di creare una narrazione crossmediale: ha pubblicato un libro, ha collezionato più di 25 copertine di riviste, è arrivata sul grande schermo col docufilm Umposted e, poi, in tv con The Ferragnez». La serie di Amazon, uscita lo scorso anno, dove ogni componente della rete di famigliari di Chiara è diventato un personaggio pubblico.

«Anche il matrimonio con Fedez, a settembre del 2018, che ha avuto un seguito da far invidia alle teste coronate - continua Pedroni - ha reso possibile l'incrocio di due industrie culturali: moda e musica e relativi fan. Lei è diventata nazional popolare in Italia, lui ha varcato i confini del nostro Paese». Sono stati corteggiati dalla politica e lei ha espanso la sua influenza ben oltre il fashion, tra Oreo, Nespresso e incremento delle visite agli Uffizi. «Nelle sue stories la parola magica è autenticità, quella che mette in ombra il fatto che Chiara non sia esattamente come tutti noi, con la sua attività imprenditoriale che macina soldi».
Non male per una che ha iniziato a postare i suoi scatti sulla piattaforma per fotografi Flickr nel 2007, criticata dagli altri utenti appassionati di scatti d'autore, e che oggi dichiara sempre a WWD: «Ognuno di noi ha qualcosa da mostrare al mondo, ma prima non era un concetto mainstream. Era facile sentirsi meno delle persone dello spettacolo e della moda».
 


Ultimo aggiornamento: Domenica 27 Febbraio 2022, 20:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA