Tokyo, record di contagi alla vigilia dei Giochi ma Cio e Oms: «Si inizia»

Domani si parte con la cerimonia di apertura (l'Italia sfila per 18ma). I Giochi sono al via proprio nel giorno in cui la città di Tokyo fa registrare il record di contagi da Covid-19: 1.832, il numero più alto da sei mesi a questa parte. Gli esperti locali della sanità sono convinti che la bolla alla quale sono costretti gli oltre 11 mila atleti e le altre migliaia di accreditati non regga, anche se l'aumento di contagi tra gli olimpici corre in realtà a ritmi più bassi: la conta di inizio giornata era a 71, ma di ora in ora si sono aggiunti diversi atleti. Eppure si inizia. Ieri Il Cio e l'Oms a più riprese hanno dispensato ottimismo. «Avete fatto del vostro meglio: il rischio zero non esiste, ma il mondo deve mostrare le stesse qualità olimpiche di determinazione, dedizione e disciplina per trionfare contro il virus», ha detto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, parlando alla sessione Cio. Gli sponsor però fuggono dalle Olimpiadi: dopo Toyota anche Panasonic e Procter&Gamble.
Intanto, appena sbarcata in Giappone, Federica Pellegrini ha dovuto sottoporsi a un test antidoping a sorpresa. È la stessa star azzurra del nuoto a farlo sapere, via story su Instagram, con la foto del cerotto sul braccio: «E che non lo vuoi fare un bel test antidoping appena arrivata?». Sono invece andate in campo le azzurre del softball, sconfitte dagli Usa nel match d'esordio. (M.Lob.)


Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Luglio 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA