Simone Pierini
Si scende sotto quota diecimila contagi in un giorno ma con l'evidente

Simone Pierini
Si scende sotto quota diecimila contagi in un giorno ma con l'evidente - e ormai consueto - calo di tamponi del post weekend. Una giornata che potrebbe sembrare interlocutoria ma che conferma l'andamento in crescita soprattutto paragonato a lunedì della scorsa settimana. In 7 giorni si è infatti passati dai poco più di 4600 casi (con 85mila tamponi) agli oltre 9300 di ieri (con quasi 99mila tamponi): più del doppio con il rapporto positivi/tamponi nazionale passato dal 5,4% al 9,4%. Nell'arco di una settimana i decessi (ieri 73) sono 411 in più, i posti letto occupati in terapia intensiva sono aumentati di 345 unità mentre gli ospedalizzati in altri reparti di 2855. Le persone attualmente positive al coronavirus, infine, sono passate da 82.764 a 134.003. Un'impennata che rende l'idea di come il contagio nel nostro Paese abbia accelerato con forza.
LE REGIONI Analizzando il singolo dato numerico dei casi Lombardia, Campania, Toscana e Lazio sono le regioni che hanno registrato l'aumento più consistente: le prime due sopra i 1500 positivi in più in un giorno, le successive a un passo dai mille. Nel rapporto tra positivi/tamponi - o nel dettaglio più preciso - tra positivi/casi testati risultano impressionanti i dati della Valle d'Aosta e della Liguria: la prima supera addirittura la soglia di un positivo ogni persona testata, la seconda oltre 1 su 3.
DECESSI E OSPEDALI Dai 73 decessi di ieri emerge il peggioramento della Campania che ieri ha dovuto registrare 21 morti. Sale il numero delle vittime anche in Toscana con altre 12 in un giorno, 9 invece nel Lazio, 6 in Lombardia, 5 in Liguria e Piemonte. In Lombardia il primato dei ricoverati sia in terapia intensiva (113) che in altri reparti (1136).


Ultimo aggiornamento: Martedì 20 Ottobre 2020, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA