Russia, 18enne col fucile fa strage all'Università

Russia, 18enne col fucile fa strage all'Università

Strage di studenti all'università di Perm, in Russia, nella regione degli Urali. Uno studente di giurisprudenza di 18 anni è entrato nell'istituto con una mimetica nera e il volto coperto, armato di un fucile leggero. E ha dato il via alla caccia ai compagni, stanati di aula in aula. Le tv locali hanno trasmesso le immagini degli studenti in preda al panico che cercavano di salvarsi la vita calandosi dalle finestre dell'edificio. Il killer ha ucciso sei persone e ne ha ferite 24, prima che la polizia riuscisse a fermarlo. In serata il comitato investigativo russo ha fatto sapere che l'autore della strage era stato ferito e ricoverato in ospedale.
Si chiama Timor Bermansurov, 18 anni. Alcuni media russi hanno trasmesso le immagini del giovane, a volto coperto e armato, che lui stesso aveva postato sul social russo Vkontakte. «Odio me stesso, ma voglio fare del male a tutti quelli che si mettono sulla mia strada» aveva scritto lo studente sui social, prima di passare all'azione.


Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Settembre 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA