«Ristorante fermo per il ritardo dell'esito del test»

«Ristorante fermo per il ritardo dell'esito del test»

Domenico Zurlo
Il suo ristorante, il due stelle Michelin la Madia di Licata, è chiuso da quasi un mese, dopo che sono stati contagiati dal Covid prima uno dei suoi collaboratori, poi anche lui, lo chef Pino Cuttaia: i giorni passano ed è ancora in isolamento a casa in attesa del canonico doppio tampone negativo.
Chef Cuttaia, quando è iniziato tutto?
«L'11 settembre dopo la positività di un mio collaboratore abbiamo chiuso il ristorante e mi sono sottoposto a tampone, che è risultato positivo. Ho avuto sintomi lievi, solo un giorno di febbre».
Dopo la quarantena, il doppio tampone obbligatorio.
«Mi sono sottoposto al primo martedì, due giorni dopo ho avuto il responso: negativo. Giovedì mi hanno fatto il secondo tampone: quattro giorni dopo, non ho ancora avuto il risultato e sono ancora bloccato in isolamento».
Perché questo ritardo?
«C'era il weekend di mezzo, le elezioni comunali, il Giro d'Italia: non so se sia dipeso da queste cose, ma avrei dovuto avere il responso sabato e invece non ho ricevuto niente. Tutto dipende dalla Asl di Agrigento, ma non si sa a chi chiedere informazioni: solo numeri di telefono sempre occupati o a cui non risponde nessuno».
Di chi è la colpa?
«Gli enti pubblici in questi casi non hanno responsabilità sociale: chi è nella mia situazione viene messo in secondo piano. Da un lato ci chiedono di rispettare le regole ed essere responsabili, dall'altro quando lo facciamo veniamo trascurati. Come possiamo sconfiggere il Covid, se non c'è collaborazione?»
Basterà ricevere il responso per riaprire il ristorante?
«Difficile da credere, ma non basta. Se il test dovesse essere negativo, dovrò aspettare che sia la Asl a comunicarlo al sindaco, e quest'ultimo dovrà avvisare i vigili. Ho un'attività da portare avanti, sono responsabile verso i dipendenti. Così ci tengono in ostaggio: la gente ha paura anche a fare il tampone perché rischia di essere messa ai domiciliari».


Ultimo aggiornamento: Martedì 6 Ottobre 2020, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA