Pestaggi in carcere, Cartabia: «Ora indaghiamo su tutti i penitenziari»

Il governo ha visto e non vuole dimenticare. Cita la frase di Draghi, la ministra della Giustizia Marta Cartabia nella sua informativa alla Camera sul pestaggio di massa dei detenuti nel carcere casertano. «I fatti di Santa Maria Capua Vetere hanno sollevato un velo sulle durissime condizioni delle carceri italiane - dice - tutti i parlamentari dovrebbero visitarle» per toccare con mano la situazione.
Cartabia ricorda quelle immagini choc, il pestaggio di un detenuto sulla sedia a rotelle, gli agenti che infierivano su un corpo già privo di sensi. «Quanto accaduto a Santa Maria Capua Vetere è frutto non di una reazione necessitata da una situazione di rivolta ma una violenza a freddo». «Le violenze e le umiliazioni inflitte ai detenuti recano una ferita gravissima alla dignità della persona, pietra angolare della nostra convivenza civile, come chiede la Costituzione. Il carcere è lo specchio della nostra società. Ed è un pezzo di Repubblica».
Ma non c'è solo Caserta: «Abbiamo costituito una commissione ispettiva che visiterà tutti i penitenziari dove l'anno scorso sono scoppiate le proteste». Uno dei problemi cardine del sistema carcerario è il sovraffollamento: «Sta peggiorando» segnala Cartabia.(G.Obe.)


Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Luglio 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA