Mario Landi
«Lascio per essere libera dimostrare mia correttezza».

Mario Landi
«Lascio per essere libera dimostrare mia correttezza». Catiuscia Marini (Pd) si è dimessa nel tardo pomeriggio di ieri dopo una lunga riunione di giunta. Marini, che è indagata nell'inchiesta della procura di Perugia su alcuni concorsi per assunzioni che sarebbero stati pilotati all'ospedale del capoluogo umbro, ha poi chiarito in una lettera aparta: «Sono una persona perbene, per me la politica è sempre stata fare l'interesse generale, sia da sindaco della mia città (Todi) che da europarlamentare e poi da Presidente di Regione». Per il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, in questo modo «si fanno gli interessi dell'Umbria». Ma le opposizioni non tardano a manifestarsi. Per la Lega si tratta «di una giornata storica dopo 50 anni di malgoverno di sinistra», mentre la senatrice Bernini (Fi) parla di «fine del mito della diversità morale». M5s accusa il Pd: «Zingaretti non ha avuto neppure il coraggio di mandare a casa la Marini».

Mercoledì 17 Aprile 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA