Marco Lobasso E' stato il martedì dell'Italia delle donne. Le azzurre soffrono,

Marco Lobasso
E' stato il martedì dell'Italia delle donne. Le azzurre soffrono,

Marco Lobasso
E' stato il martedì dell'Italia delle donne. Le azzurre soffrono, lottano, piangono, vincono. A volte perdono, come l'Italia della ginnastica e la Horn nella canoa, fuori dal podio per un soffio. E poi c'è Federica Pellegrini, quinta finale consecutiva da Divina nel 200 sl e che nella notte appena passata ha chiuso il conto con vent'anni di nuoto. Argento per la pesista Bordignon, bronzo per la judoka Centrachio, ancora bronzo per l'Italia di spada. Ecco le loro storie tutte italiane a tinte rosa.
LA RIVINCITA DELLA JUDOKA - «Il Molise esiste. E mena pure». Maria Centracchio lo urla forte, spezzando le lacrime che non riesce a fermare dopo aver preso la medaglia di bronzo nel judo, categoria -63 chili, alle Olimpiadi di Tokyo. A nome di tutti i piccoli del mondo, che ai Giochi diventano se stessi e grandi.
SPADiSTE LOTTATRICI - L'Italia conquista il bronzo nella spada a squadre femminile ai Giochi olimpici di Tokyo. Dopo la delusione per il ko in semifinale contro l'Estonia, Rosella Fiamingo, Mara Navarria, Federica Isola e l'esordiente Alberta Santuccio battono la Cina 23-21 conquistando il terzo gradino del podio in una finale sofferta e bellissima e riscattando in parte i Giochi della scherma fin qui a luci e ombre.
LA PESISTA NELLA STORIA - L'azzurra Giorgia Bordignon, di Gallarate, ha conquistato un fantastico argento nel sollevamento pesi ed entra nella storia. La pesista azzurra, con un totale di 232 kg, ha chiuso al secondo posto nella categoria 64 kg, dietro alla canadese Charron (236). Seconda medaglia azzurra nella disciplina, dopo il bronzo di Mirko Zanni, la prima di sempre per una donna azzurra ai Giochi Olimpici.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Luglio 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA