Coronavirus e scuola, la ministra Azzolina: «Maturità con commissione interna»
di Lorena Loiacono

Coronavirus e scuola, la ministra Azzolina: «Maturità con commissione interna»

Niente ritorno in classe, per ora si guarda solo agli esami finali: tutti professori interni alla maturità e per i voti degli scrutini ci si baserà soltanto sul programma realmente svolto in classe. Così dovrà finire l'anno scolastico in corso e non solo: le lezioni potrebbero durare fino a fine giugno oppure riprendere dal 1° settembre. Si tratta di misure speciali, legate al momento di emergenza legata al Covid-19 in cui versa tutta Italia e quindi anche il mondo della scuola, annunciate ieri dalla ministra all'istruzione Lucia Azzolina intervenuta in Senato.



Leggi anche > Coronavirus, scuola troppo a distanza: difficoltà per le videolezioni e studenti senza guida

La titolare di viale Trastevere ha innanzitutto chiarito che la data per il rientro tra i banchi ancora non c'è: «Si tornerà a scuola ha sottolineato - se e quando, sulla base di quanto stabilito dalle autorità sanitarie, le condizioni lo consentiranno». La data quindi, oggi, ancora non c'è anche se è ormai sicuro che la chiusura fissata al 3 aprile sarà inevitabilmente prorogata almeno fino alla fine del mese. Importanti novità riguardano invece gli esami di Stato: il ministero sta lavorando per costituire le commissioni formate da soli membri interni, con presidenti esterni. Sia per evitare spostamenti di migliaia docenti, sia per agevolare gli studenti che si vedranno esaminare solo su argomenti realmente trattati. E solo un docente interno può sapere fino a che punto si è svolto il programma con la didattica a distanza.

Si pone ora il problema della valutazione e quindi dei voti da mettere ai ragazzi sia per l'ammissione agli esami sia per gli scrutini di fine anno: i docenti potranno essere più elastici considerando, anche in questo caso, il programma svolto e la partecipazione dimostrata dagli studenti anche se solo online. Le lezioni procedono infatti in modalità a distanza: la data di riapertura non c'è ma arriva ora, come annunciato da Azzolina, la possibilità di ridefinire i calendari scolastici. Che significa? È possibile che le lezioni possano andare avanti fino a fine giugno o riprendere direttamente a settembre ma in anticipo. Quindi anche dal 1° settembre.
Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Marzo 2020, 07:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA