Omicidio di Canosa, l'avvocato Catizone: «Le leggi ci sono ma le vittime sono lasciate sole»

Omicidio di Canosa, l'avvocato Catizone: «Le leggi ci sono ma le vittime sono lasciate sole»

Lo stalking continua a mietere vittime, anche collaterali. Avvocato Andrea Catizone, specializzata in diritto di famiglia, della persona e dei minori, la tutela normativa per le vittime di stalking nel nostro Paese è sufficiente?
«Lo stalking nel nostro Paese è punito con pene importanti ma non è sufficiente inasprire le pene per ottenere la tutela della persona offesa. Serve un sistema di prevenzione e tutela, da mettere in atto quando le persone denunciano. E su questo il sistema è profondamente carente».

 

Canosa, Cosimo non ce l'ha fatta: è morto dopo il pestaggio per aver difeso un'amica dallo stalker


Perché?
«Perché demanda completamente al privato la gestione della vicenda. Anche la misura cautelare dell'allontanamento non può essere sufficiente, perché non basta dire allo stalker che non si deve più avvicinare a casa della vittima, si devono dare strumenti perché realmente non si avvicini più».


Cosa servirebbe?
«Noi diciamo a tutte le donne di denunciare quando sono vittime di tali reati, ma poi non possiamo lasciarle sole. Lo Stato deve adottare misure a tutela, ad esempio il controllo dei movimenti dello stalker». (V. Arn.)


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Dicembre 2021, 09:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA