IL MAXIBLITZ

Emilio Orlando
Manovalanza del crimine da utilizzare nelle piazze di spaccio reclutata, oltre che tra disoccupati, anziani senza sussidi e tossicodipendenti, anche fra i disabili perché considerati insospettabili. Nei supermarket della droga a cielo aperto nel quadrante sud est della capitale, i carabinieri del capitano Jacopo Passaquieti della compagnia di Frascati e della stazione di Tor Bella Monaca arrestano ogni giorno decine di pusher appartenenti alle famiglie che gestiscono le sette piazze di spaccio.
Centosessanta sono le persone arrestate da inizio anno. Dalle indagini emerge uno spaccato inquietante della società e di periferie ormai allo sbando che assomigliano sempre di più a quelle campane di Scampia, Secondigliano e via Labriola, dove la miseria e la povertà vengono sfruttate per reclutare nuovi operai della malavita. Sempre più persone, al di sopra di ogni sospetto, vengono arruolate dalle famiglie malavitose che gestiscono le sette piazze di spaccio di cocaina ed eroina, tra via dell'Archeologia, via Brandizzi, via Giacinto Camassei ed il dedalo di strade che si dipana nei lotti popolari.
Il Welfare criminale non disdegna nemmeno i disabili in carrozzella, che a fianco degli spacciatori vengono impiegati come rette o vedette a cui vengono corrisposti cento euro per dodici ore di lavoro come sentinelle. È il caso del quarantenne sulla sedia a rotelle arrestato a Tor Bella Monaca, nel ferro di cavallo delle case popolari di via dell'Archeologia. L'uomo, alle dirette dipendenze di un clan di quartiere, insieme ad un pregiudicato di ventidue anni, oltre che segnalare l'arrivo delle forze dell'ordine aveva il compito di indirizzare i tossici da questo o da quello spacciatore in base al tipo di sostanza stupefacente richiesta dall'acquirente.
Un indotto economico criminale, che produce per i narcotrafficanti profitti illeciti per milioni di euro l'anno, che vengono poi riciclati in attività commerciali come solarium, bar, pub e negozi di abbigliamento. Durante il blitz i carabinieri hanno arrestato altre tre persone, tra cui due donne che vendevano dosi di droga, sequestrando anche ventisette chili di hashish e tre di cocaina.
riproduzione riservata ®

Giovedì 14 Febbraio 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA