Ida Di Grazia
Dopo sette anni di assenza Elisabetta Canalis torna nelle case

Ida Di Grazia
Dopo sette anni di assenza Elisabetta Canalis torna nelle case degli italiani con Vite da Copertina, il rotocalco dedicato ai personaggi dello spettacolo e del jet set, al via questa sera su TV8 in prima tv alle ore 17.30.
Che effetto le fa tornare a casa, televisivamente parlando?
«All'inizio ero un po' timorosa perché dopo tutto questo tempo credevo di essere fuori allenamento e invece L'emozione del debutto c'è tutta, spero di non deludere il pubblico soprattutto i fan di questo programma».
Questo è il suo primo programma in solitaria, c'è la possibilità di rivederla in una sit-com tipo Love Bugs?
«Magari! Bisogna convincere Fabio De Luigi. Tra un po' compio 43 anni (il 12 settembre ndr.), ho messo a fuoco le cose che mi piace fare e vorrei concentrarmi su quelle».
In America ha partecipato a Dancing in the Stars, farebbe un reality in Italia?
«Non un reality, però qualcosa di sportivo, che non è il ballo, lo farei».
Com'è stata la sua Vita da copertina?
«Quando ho iniziato avevo 20 anni, mi sono subito messa insieme a un calciatore (Vieri ndr.) che era molto popolare, quindi al di là di Striscia, ho vissuto anche di questa attenzione mediatica che era molto pressante».
Grazie ai social non ha mai perso il contatto con il suo pubblico.
«La comunicazione è cambiata, il pubblico è cambiato però così è tutto più diretto».
E diciamo la verità la vera influencer della famiglia è sua figlia Skyler.
«È vero (ride divertita mentre arriva in zoom call anche la bimba che ha sentito pronunciare il suo nome) e guarda che se glielo chiedi potrebbe farlo anche ora! Le piace fare i tutorial, è un'esperta di trucco».
Striscia la Notizia avrà due nuove veline che arrivano dalla scuola di Amici, ha qualche consiglio per loro?
«Ho letto che in conduzione ci sarà la Incontrada. Abbiamo fatto delle telepromozioni 15 anni fa la stimo molto, vive la vita come vuole lei e anche se cercano di buttarla nel tritacarne delle polemiche non ci riescono mai perché ha due pa**e così, quindi le faccio tantissimi auguri. Per le nuove veline penso sia una scelta giusta per loro sarà una grande occasione».
Perché tra tutte le veline solo lei e poche altre siete rimaste nel cuore del pubblico?
«È stato un connubio di cose che hanno giocato a favore mio e di Maddalena (Corvaglia). Siamo state le prime ad avere la copertina di Max e GQ, io ho avuto la copertina su Sette da perfetta sconosciuta. E poi ovviamente il pubblico che si è affezionato a noi anche se non eravamo proprio la Fracci o la Abbagnato».
Come va la raccolta fondi a favore della Sardegna devastata dagli incendi?
«Abbiamo superato i 100 mila euro. Io stessa ho perso vigneti e uliveti, ma non è paragonabile rispetto a chi ha perso tutto ritrovandosi in mano solo un mucchio di cenere».
L'intervista integrale su leggo.it


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Settembre 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA