Enrico Chillè La piccola Gioia Rosa non aveva neanche tre mesi ed è

Enrico Chillè
La piccola Gioia Rosa non aveva neanche tre mesi ed è

Enrico Chillè
La piccola Gioia Rosa non aveva neanche tre mesi ed è morta al Grassi di Ostia, dopo la corsa disperata dei genitori verso l'ospedale. Ad ucciderla, con tutta probabilità, un rigurgito di latte materno finito nei polmoni. È accaduto ieri mattina, quando i genitori di Gioia Rosa, entrambi di nazionalità cilena, residenti in via della Paranzella, si sono accorti che la piccola non riusciva più a respirare e si sono precipitati al Grassi, senza neanche attendere l'arrivo di un'ambulanza. «Fate qualcosa, mia figlia non respira più», la drammatica richiesta d'aiuto del papà della neonata. I medici hanno provato a salvare la bambina, nata il 14 febbraio scorso, con le manovre di rianimazione, ma non ci sono riusciti: l'arresto cardiocircolatorio si è rivelato fatale. La piccola era stata allattata per l'ultima volta dalla mamma nella notte tra lunedì e martedì, intorno alle 3, poi la mattina dopo i genitori si sono resi conto che la figlia, che stava dormendo nel suo lettino, presentava rigidità muscolare e non respirava.
Un'ora dopo l'arrivo dei genitori di Gioia Rosa al Grassi, quando ormai i medici non avevano potuto far altro che constatare la morte, nell'ospedale si sono presentati anche gli agenti di polizia del Commissariato Lido, che si occuperanno delle indagini. La mamma della piccola, a quel punto, è stata colpita da un malore ed è stata ricoverata in osservazione per qualche ora.
Agli inquirenti è stato chiesto un approfondimento del contesto familiare, ma per i medici dovrebbe trattarsi di un tragico caso di morte in culla o sindrome di morte improvvisa del lattante. In un primo momento si era ipotizzato che la salma potesse essere messa a disposizione dell'autorità giudiziaria, ma gli inquirenti, che hanno accolto in pieno le ipotesi dei medici per spiegare la tragedia, hanno deciso di restituirla ai genitori.
riproduzione riservata ®

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Maggio 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA