Emilio Orlando
Proprietari di una macelleria stimati in tutto nel quartiere Ardeatino,

Emilio Orlando
Proprietari di una macelleria stimati in tutto nel quartiere Ardeatino, ma coppia di feroci usurai in grado di organizzare sequestri di persona a scopo d'estorsione per recuperare prestiti a strozzo con tassi d'interesse che arrivavano al trecento per cento. Ieri mattina il blitz dei carabinieri della compagnia Eur ha messo la parola fine al calvario di sevizie e torture psicologiche subite da una vittima. L'uomo era stato costretto a firmare cambiali ipotecarie su casa della moglie per garantire il rientro della somma e aveva ceduto alla banda di aguzzini sette quadri di valore considerevole: tutto questo non bastava a ripagare la somma di denaro che aveva avuto in prestito.
I due commercianti, marito e moglie Stefano Fabio e Maura Broglia, entrambi quarantunenni, sono finiti in manette insieme a Emiliano Tagliavini, un pugile professionista di 24 anni dopo avere tenuto segregato, dopo averlo sequestrato un ex promotore finanziario al quale avevano concesso un prestito a strozzo di ventimila euro, lievitato a quasi trecento mila euro. La vittima che in passato era stato un campione di atletica leggera venne indagato per una truffa milionaria nei confronti di una trentina di persone che gli avevano affidato i loro risparmi. Per costringerlo a ripagare il debito contratto con gli strozzini, prima di rapirlo e rinchiuderlo in un appartamento nella zona di Ottavia era stato più volte minacciato di morte e pestato a sangue dal pugile, che gli provocò un trauma cranico. Particolarmente violenta anche la donna arrestata. Infatti, in più di qualche occasione aveva minacciato pesantemente il professionista caduto nella trappola dell'usura.
«Da oggi in poi stai con noi fino a quando non porti tutti i soldi altrimenti non rivedrai più tua moglie e tua figlia». Era questo il tenore delle minacce con cui la coppia diabolica terrorizzava la loro vittima. Alle parole Stefano Fabio, impugnando un grosso coltello da macellaio mimava il gesto di tagliargli la gola.
Il mese scorso i carabinieri dell'Eur hanno messo a segno un'altra importante operazione antiusura denominata Magliana Spa. Lo strozzino finito in manette che aveva militato in passato nella Banda della Magliana prestava con interessi da capogiro somme di denaro a commercianti in difficoltà.
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Venerdì 25 Gennaio 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA