Emilio Orlando
Attività commerciali apparentemente pulite che nascondono

Emilio Orlando
Attività commerciali apparentemente pulite che nascondono centrali di spaccio di droga nelle zone più in della Capitale. È il secondo caso nel giro di pochi giorni scoperto nel quartiere Prati. Quell'appartamento dove c'è la sede di un'importante associazione professionale di avvocati esperti in mediazione stragiudiziale, accanto alla città giudiziaria di piazzale Clodio, era in realtà una centrale di spaccio di cocaina per clienti facoltosi e professionisti insospettabili.
Gli stessi residenti del palazzo non avevano mai sospettato che all'interno di quelle mura venissero confezionate e vendute dosi droga. I tossicodipendenti che si rifornivano di cocaina dall'avvocato finito in manette erano colletti bianchi, che si presentavano alla porta in giacca e cravatta, ventiquattrore alla mano e non davano nell'occhio. Il presidente della società, che organizzava anche corsi di aggiornamento per i principi del foro, è stato arrestato al termine di un blitz antidroga, condotto dal commissariato Esposizione, che aveva ricevuto la soffiata sul traffico di droga che si consumava dietro quella porta.
Quando i detective si sono appostati sotto l'appartamento di piazzale Clodio, hanno visto un passamano sospetto tra due persone, che quando hanno capito di essere seguite dalla polizia hanno si sono allontanate a piedi prendendo direzioni opposte. L'acquirente è riuscito a scappare facendo perdere le proprie tracce, ma ha gettato a terra un involucro di cellophane che conteneva cocaina. L'avvocato invece è stato catturato: quando gli agenti lo hanno fermato, in tasca aveva in denaro che poco prima gli aveva consegnato il tossicodipendente in cambio della droga. Durante la perquisizione allo studio professionale la polizia ha sequestrato marjuana, cocaina, sostanza da taglio e mille euro in contanti.
Nei giorni scorsi un'autofficina in via Carlo Mirabello, nella stessa zona, si è rivelata essere una centrale di spaccio. Gli agenti dell'Eur hanno arrestato il titolare e hanno sequestrato sostanze stupefacenti e 86.000 euro in contanti.
riproduzione riservata ®


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 11 Settembre 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA