Educazione civica già bocciata «Quest'anno non si insegnerà»

Lorena Loiacono
Bocciata l'Educazione civica a scuola. E questa volta senza appello. Non c'è proprio speranza che riesca ad entrare in classe. Nonostante la corsa contro il tempo, dopo lo stallo estivo, per inserirla nelle lezioni già da questo anno scolastico, l'Educazione civica riceve un nuovo stop: tutto rimandato al 2020. E il ministro Fioramonti ci lavorerà nei prossimi mesi per apportare le sue modifiche. La stroncatura è arrivata ieri dal Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione che, all'unanimità, ha deciso di fermare la sperimentazione nazionale che sarebbe dovuta partire in questi giorni. Trattandosi di sperimentazione nazionale, il parere del Cspi è obbligatorio. E così è tutto rimandato. A quando?
Al prossimo anno, forse. In questi 12 mesi il ministero incontrerà le associazioni di dirigenti, docenti e studenti per discutere del futuro della materia più snobbata della scuola italiana. Basti pensare che l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione è stato inserito nel 2008 dell'allora ministro Gelmini e di fatto, in 11 anni, non è mai stato praticato. Tanto da esserci bisogno di una nuova legge ad hoc anche perché la materia ha fatto il suo debutto all'ultimo esame di Maturità. Peccato che la legge, approvata in via definitiva al Senato il 1° agosto scorso, per diventare effettiva dal 1° settembre sarebbe dovuta andare in Gazzetta ufficiale entro il 16 agosto. Ma la crisi di Governo ha deviato l'attenzione dalla legge che, fuori tempo, è stata inserita come sperimentazione.
Ieri il Cspi ha bocciato anche quella con questa motivazione: La sua introduzione ad anno scolastico iniziato metterebbe in difficoltà le stesse scuole. E ora che succede? «Discuterò con le associazioni - ha spiegato il ministro Fioramonti - della possibilità di avviare una seria programmazione a partire da gennaio 2020, con tanto di fondi aggiuntivi in Legge di Bilancio, per fare quello che il precedente Ministro non aveva fatto: preparare in modo efficace le scuole nell'ottica dell'introduzione dell'Educazione civica nel settembre 2020, come previsto dalla legge». In base a quanto previsto dalla legge, l'insegnamento dovrebbe poter contare su 33 ore di lezione durante l'anno: non si tratterebbe di ore in più ma di lezioni trasversali nelle dovere materie come storia, filosofia o diritto.
riproduzione riservata ®

Giovedì 12 Settembre 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA