Domenico Zurlo
Dopo il Regno Unito anche l'Italia teme la variante Delta. La

Domenico Zurlo
Dopo il Regno Unito anche l'Italia teme la variante Delta. La mutazione del coronavirus già conosciuta come indiana, del 60% più contagiosa rispetto a quella inglese (da tempo dominante nel nostro Paese), agita esperti e autorità, soprattutto per la sua capacità di reinfettare anche chi è già vaccinato.
FOCOLAI. Il focolaio in una palestra di Milano, con uno dei 10 positivi che è stato contagiato dalla Delta nonostante avesse già ricevuto la doppia dose di vaccino, non è l'unico a preoccupare. In Lombardia da aprile si contano 81 casi (con un calo rilevato a giugno rispetto a maggio), mentre nel sud della Sardegna sono stati individuati già 12 contagiati da Delta. In Puglia invece i casi rintracciati sono 25, con due cluster in provincia di Brindisi: «Ci preoccupa molto perché potrebbe essere meno sensibile ai vaccini: rischiamo di non avere l'immunità di gregge ad ottobre», ha spiegato il governatore pugliese Emiliano.
SOTTOSTIMATO. Il vero problema della variante Delta è la sua difficile individuazione: i sintomi simili ad un comune raffreddore (mal di testa e mal di gola e naso che cola), diversi dai comuni sintomi da Covid, lo rendono ancora più ostico da stanare. E per capire quanto sia davvero diffuso servono nuove armi, da nuovi criteri per analizzare i tamponi ad un maggiore sequenziamento. Attualmente, secondo l'Iss, la sua incidenza sul totale dei casi è inferiore all'1%, ma è molto probabile che si tratti di un dato fortemente sottostimato.
LO STUDIO. L'arma più efficace resta per ora quella della doppi avaccinazione. Secondo uno studio pubblicato su Lancet il ciclo vaccinale completo di Pfizer protegge dall'infezione da variante Delta al 79%, quello di AstraZeneca al 60%.
MIX VACCINI. Intanto l'Aifa ha dato il via libera alla vaccinazione eterologa negli under 60 che hanno già ricevuto una prima dose di AstraZeneca, e che potranno ricevere la seconda di Pfizer o Moderna: secondo il Cts dell'agenzia del farmaco, il mix di vaccini porta ad «un rilevante potenziamento della risposta anticorpale». Il crossing vaccinale, ha assicurato il ministro Speranza, «è una cosa che la Germania fa da due mesi». Le Regioni si adeguano, dopo lo scetticismo iniziale: anche la Campania ora ha vietato AstraZeneca e Johnson&Johnson agli under 60 e da oggi farà partire i richiami con vaccini a mRna per chi aveva avuto la prima dose di AZ.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Giugno 2021, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA