DAL 1 OTTOBRE

Dal primo ottobre anche in Vaticano scatterà l'obbligo Green pass. Chiunque vorrà accedere allo Stato pontificio, o alle Basiliche e palazzi della Santa Sede, dovrà mostrare il certificato verde (validi anche il Green pass vaticano, quello europeo o un test negativo, molecolare o antigenico). L'unica esenzione riguarda le celebrazioni liturgiche. I fedeli, infatti, potranno assistere alle messe e alle funzioni religiose ma solo «per il tempo strettamente necessario allo svolgimento del rito» e rispettando distanziamento e obbligo di mascherina. La decisione è stata adottata con l'ordinanza del presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano, il cardinale Giuseppe Bertello, che ha recepito le indicazioni di papa Francesco dei giorni scorsi.
Dalle nuove restrizioni dovrebbe comunque essere libera piazza San Pietro, dove l'accesso sarà concesso senza Green pass. Al contrario, il certificato dovrebbe essere obbligatorio per l'udienza del mercoledì in Aula Paolo VI. Anche i cardinali dovranno adeguarsi alla norma. (M.Fab.)


Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Settembre 2021, 05:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA