Cristina Montagnaro
L'imperatore Adriano l'aveva scelta come residenza: Tivoli.

Cristina Montagnaro
L'imperatore Adriano l'aveva scelta come residenza: Tivoli.

Cristina Montagnaro
L'imperatore Adriano l'aveva scelta come residenza: Tivoli. Questa città, più antica di Roma, si prepara ad accogliere spettacoli, concerti, danza, eventi  culturali, ospitati in gioielli architettonici che il mondo ci invidia. Si va da Villa d'Este, simbolo del rinascimento, a Villa Adriana (foto), residenza dell'imperatore (entrambi patrimonio dell'Unesco) e il Santuario di Ercole Vincitore, oltre a piazza Garibaldi e piazza Rivarola, per la prima volta. È la quarta edizione di Tivoli Chiama, il Festival delle arti, in programma dall'8 luglio al 4 agosto. Tra i nomi in cartellone: Elio Germano insieme alla musica dal vivo di Teho Teardo, che apre il festival (8 luglio, Villa Adriana); e poi Massimo Ranieri (13 luglio, Santuario di Ercole Vincitore); Syria (20 luglio, Santuario di Ercole) Marco Paolini, (1° agosto, Santuario di Ercole Vincitore). Enrico Capuano e la Tammurriata Rock (28 luglio, piazza Rivarola a ingresso libero). Auguri Franca! è una serata speciale dedicata all'attrice Franca Valeri madrina del festival per il suo compleanno (il 31 luglio, 98 anni, a Villa d'Este). La chiusura il 4 agosto è affidata al concerto di Demo Morselli e Marcello Cirillo accompagnati da una Big Band che si terrà in piazza Garibaldi.
Il Festival ha come madrina proprio Franca Valeri che ne ha inventato anche il nome Tivoli chiama!, con il suo passato, con le sue ville, con la sua gente. «Chiama perché ha molte cose da dire. Ascoltatele, la cultura è serenità», sottolinea l'attrice.
«Nessun altro festival al mondo ha dei palcoscenici così belli, a Tivoli potrete godere di un concentrato di cultura: Villa d'Este, Villa Adriana, ma anche il Santuario di Ercole Vincitore, il più grande santuario al mondo dedicato ad Ercole», spiega l'assessore alla Cultura e al Turismo di Tivoli Urbano Barberini. «Il Santuario di Ercole Vincitore si inaugura il 6 luglio ed è un sito storico archeologico internazionale sottolinea Andrea Bruciati, direttore dell'Istituto Villa Adriana e Villa d'Este - perché è uno degli esempi più importanti di sintesi tra archeologia classica e industriale».
riproduzione riservata ®

Martedì 26 Giugno 2018, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA