Coronavirus anziani, è allarme rosso per case di riposo e cliniche
di Enrico Chillè

Coronavirus anziani, è allarme rosso per case di riposo e cliniche

Coronavirus e anziani. Il dramma nel dramma: in un'Italia ormai in quarantena per il coronavirus, a preoccupare sono soprattutto le sorti degli anziani. I nuovi focolai, come dimostrano i contagi accertati, interessano soprattutto le case di riposo e le strutture che accolgono gli anziani. Un allarme che interessa senza distinzioni tutta Italia, da Nord a Sud, e che riguarda soprattutto i soggetti più deboli e a rischio per il Covid-19.

Leggi anche > Coronavirus, più tamponi e più contagiati: partita la caccia agli asintomatici

Il caso più eclatante è senza dubbio quello di Mediglia (Milano), dove negli ultimi 20 giorni si sono registrati 52 decessi di anziani ospitati in una casa di riposo, con i familiari pieni di rabbia e dolore che ora chiedono chiarezza su quanto accaduto. Non va meglio a Nerola, tra le province di Roma e Rieti: gli anziani contagiati sono 56 (oltre a 16 operatori sanitari), ne sono morti due e il comune è diventato la seconda zona rossa del Lazio dopo quella di Fondi. Sempre nel Lazio, preoccupano altre case di riposo a Rieti (13 contagi accertati), a Fiuggi (18 casi), a Roma e provincia (Guidonia e Civitavecchia).

Situazione allarmante anche a Trieste (un anziano deceduto, altri tre positivi insieme a due operatori in due case di riposo), a Torino (dove è morto un medico che lavorava in una residenza per anziani), nel Veronese (cinque anziani deceduti e 36 contagiati), in provincia di Napoli (32 positivi), Campobasso (dove ci sono 13 anziani e tre operatori positivi) e Nuoro (18 anziani e 14 operatori positivi nella stessa struttura). Drammatici anche i casi di Messina, con oltre 50 anziani rimasti senza assistenza, e di Villafrati (Palermo), zona rossa dopo il contagio di 50 anziani e 22 operatori in una Rsa.

Le autorità sanitarie regionali hanno scritto a prefetti e sindaci per fare controlli a tappeto nelle case di riposo, come disposto anche dall'Istituto Superiore di Sanità. Una misura complicata ma necessaria, perché il Covid-19, rischioso per tutti, purtroppo si è già rivelato fatale per chi, con l'età avanzata, inizia a soffrire di patologie che vengono aggravate dal contagio.
riproduzione riservata ®
Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Marzo 2020, 09:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA