La provincia di Latina regno del panettone: ecco chi sono le star pontine del lievitato di Natale
di Bianca Francavilla

La provincia di Latina regno del panettone: ecco chi sono le star pontine del lievitato di Natale

La provincia di Latina è il regno del panettone. L'ultimo riconoscimento in ordine di tempo è andato ad Andrea Ceracchi detto Maciste che ha partecipato al concorso di Parma Tenzone del panettone ed è arrivato tra i primi 13 con il suo prodotto tradizionale, ma realizzato con alcune particolarità. È realizzato, infatti, con lievito madre e una fermentazione derivata dai mosti di uva bianca e nera, entrambe locali. All'interno inoltre c'è uva sultanina di un vitigno autoctono della zona di Cori. Il tutto viene lavorato a temperatura con gradazione basse da far sì che tutte le proprietà nutritive della farina rimangano inalterate. Anche la farina viene da Cori, da un'azienda locale del territorio che sta scoprendo tutti i grani antichi del nostro territorio.
NUOVA COMPETIZIONE IN VISTA
Per Maciste questo nuovo successo viene dopo quello ottenuto qualche tempo prima quando si è aggiudicato la medaglia d'argento al concorso The best panettone of the word e ora punta alla nuova competizione Panettone Maximo dove concorrerà con un prodotto con una cottura in terracotta realizzato da un artigiano di Cori, con all'interno una crema a base di vino rosso.
Ma Maciste non è l'unica star del dolce natalizio della provincia di Latina. Condivide il successo con una sfilza di colleghi del pontino, che vantano prodotti di successo che grazie alle competizioni a cui hanno partecipato sono apprezzati in ogni parte d'Italia.
LE STAR DEL LIEVITATO
Tra questi c'è Riccardo Manduca che nel suo locale di Aprilia Solo da Manduca ha il miglior panettone artigianale creativo al cioccolato, che fa sognare i golosi grazie alla farcitura al cioccolato fondente e caramello mou e alla glassa al cioccolato al latte e pinoli caramellati. «Il segreto? - aveva commentato all'indomani della vittoria - è il lievito madre realizzato con tre impasti, opzione non standard che non viene impiegata quasi da nessuno perché allunga i tempi e i costi. Si ottiene, però, un lievitato più leggero, più profumato e più buono».
Ma c'è anche Lorenza Rizzi il cui panettone è stato selezionato tra i 15 migliori panettoni tradizionali del prestigioso Concorso Panettone Day 2021 e che quest'estate ha lanciato una linea di panettoni dai gusti freschi ed esotici da gustare, appunto, sotto l'ombrellone. Tra questi il panettone al mango, alla papaya, ai frutti di bosco o al limone. La sua creazione natalizia realizzata con miele biologico pontino, arancia candita siciliana, farine di alta qualità, che è possibile degustare nella pasticceria Il Giardino del Pane di Pane di San Felice Circeo, è stata quella scelta da una giuria di eccellenza di cui ha fatto parte anche Iginio Massari. Nell'anno precedente la stessa competizione ha visto Tiziana Caruso, dell'omonima pasticceria a Scauri di Minturno, in finale per il miglior panettone tradizionale d'Italia. Anche lei è rientrata tra i primi 15, portando a casa comunque un'ottima vetrina per il locale e il primo posto nella regione Lazio.
L'anno prima ancora il successo è stato per Ferdinando Tammetta di Fondi, quinto posto al concorso 2019 del miglior panettone artigianale d'Italia e miglior panettone della regione Lazio 2019, che aveva commentato: «Per me ogni impasto è come se fosse il primo». Insomma, in provincia di Latina dove ci si gira ci si gira si può trovare un meraviglioso dolce da gustare sotto l'albero di Natale in famiglia, riconosciuto a livello locale, regionale, nazionale e anche mondiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Ultimo aggiornamento: Domenica 21 Novembre 2021, 12:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA