«Venite a sentirci, musica tra amici»

Ferruccio Gattuso
Più che spiare dal buco della serratura, è come accomodarsi sul divano, di casa Marcoré o di casa De Angelis.
È questa l'intrigante formula di Due amici dopo cena, il recital tasera al Cineteatro Astrolabio di Villasanta, dove l'attore Neri Marcoré e il cantautore Edoardo De Angelis incrociano chitarre e aneddoti nella cornice della rassegna Parole al vento.
La colonna sonora viene da De André, Tenco, Gaber, Endrigo, De Gregori, Dalla e Fossati; le parole dai due protagonisti. «Siamo amici da dieci anni. Ci siamo conosciuti alla presentazione di un libro di Edaordo», racconta Marcorè. «Quando capita, io e lui siamo felici di andare in scena con questo spettacolo, la cui atmosfera informale piace molto a noi e al pubblico».
De Angelis, fondatore negli anni 70 della scuola romana allo storico Folkstudio, e l'attore marchigiano raccontano la canzone d'autore senza risparmiare qualche scudisciata sul presente: «Oggi si ha il dovere di essere impopolari. Come sul tema dell'esclusione nei confronti degli immigrati: non importa se i sondaggi vanno da un'altra parte». Ieri i cantautori, oggi rapper e trapper, con le loro strofe veloci: «Un mondo che non conosco. Fatico a distinguere artisti e brani, mi sembrano monotoni. Autori capaci di maneggiare armonie ci sono ancora però: penso a Niccolò Fabi e Brunori Sas». Il cinema resta dietro l'angolo: «Ho due film in agenda da settembre». Un film musicale su Giorgio Gaber? «Se fosse di qualità lo farei».


Ultimo aggiornamento: Martedì 9 Aprile 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA