Luca Uccello
MILANO - Lo scudetto può attendere, non certo la Champions

Luca Uccello
MILANO - Lo scudetto può attendere, non certo la Champions League. Parola del presidente Paolo Scaroni alla presentazione del Milan Club Parlamento che sa che solo un ritorno nell'Europa che conta «può consentire al Milan di raggiungere risultati economici che poi, di conseguenza, portano anche a risultati sportivi». Gattuso ha una missione ma se il Milan non dovesse qualificarsi per la Champions «non ne farei un dramma, però a medio-termine sicuramente il Milan deve tornare a giocare stabilmente in questa competizione».
Nessuna pressione su una squadra che a gennaio ha cambiato pelle, è diventata ancora più giovane, bella e affamata di vittorie.
Le vuole Paquetà, le vuole soprattuto Piatek. Con lui il Milan non ha mai perso. E da Roma è arrivata la benedizione anche del senatore Adriano Galliani. «Nessuno ha acquistato a gennaio due giocatori del calibro di Piatek e Paquetà».
E a proposito dell'attaccante polacco secondo l'ex amministratore delegato rossonero Piatek «ricorda Shevchenko. Me lo ricorda per la sua forza e per il modo in cui calcia il pallone. Ho visto di recente una foto di Piatek che esulta sulle spalle di Paquetà, mi ha ricordato subito un'immagine di Sheva sulle spalle di Kakà. Speriamo sia di buon auspicio». Un paragone, anzi due non da poco.
Ma se il brasiliano sta crescendo piano piano, gara dopo gara, l'attaccante polacco non si è mai fermato, ha continuato a segnare, prima con il Genoa, ora con il Milan. E di questo passo potrebbe fare meglio di Sheva nella sua prima stagione in rossonero. L'ex numero 7 segnò 24 reti in campionato, 4 in Coppa Italia e 1 in Champions. Tante e importanti per un totale di 29. Piatek oggi è già a 23 e ha ancora quasi tutto un girone di ritorno da giocare al centro dell'attacco più le due semifinali di Coppa Italia con l'Atalanta ancora da sfruttare. Re Sheva contro il principe polacco per una sfida che può durare più di una stagione. Andrij a Milano ha totalizzato 322 presenze (226 in campionato), 175 reti (127) e 25 (11) assist per il Milan. Da prima punta, da attaccante centrale come Piatek ne ha segnati 142. Numeri straordinari che gli sono valsi tutti i trofei possibili compresi quel Pallone d'oro sogno di ogni calciatore.
riproduzione riservata ®

Giovedì 14 Febbraio 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA